L’assedio del presente

“L’élite indifferente alla cultura liberale e la massa intontita dai media condividono gli stessi interessi e hanno gli stessi gusti”.
“L’élite indifferente alla cultura liberale e la massa intontita dai media condividono gli stessi interessi e hanno gli stessi gusti”. Sono parole di Claudio Giunta, un sinistro e un anticattolico e in questo, devo dirglielo, molto standard, ma pure un elitista, e in questo rara avis. Il suo “L’assedio del presente” (Il Mulino) lo leggo a qualche anno di distanza dalla pubblicazione e così, fra l’altro, ne constato la tenuta nel tempo. Sembra scritto stamattina. Purtroppo non contiene soluzioni però non riesco a fargliene una colpa, dubito che le soluzioni esistano. Giunta ha pensato il suo saggio all’alba dei social eppure le questioni che solleva sono le più attuali, le stesse che mi turbano quando vedo le menti migliori della mia generazione, e pure delle generazioni precedenti e successive, buttarsi via prima su Twitter e adesso adesso anche su Periscope.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi