I pasti di Tosi e Salvini

“Non giudicare” dice il mio maestro, e io non faccio altro che giudicare. Quando ho letto il menù dell’ultimo pranzo dei due contendenti leghisti ho giudicato e mi sono disperato: uno frittura di pesce e Gewürztraminer, l’altro filetto e Schioppettino.

“Non giudicare” dice il mio maestro, e io non faccio altro che giudicare. Quando ho letto il menù dell’ultimo pranzo dei due contendenti leghisti ho giudicato e mi sono disperato: uno frittura di pesce e Gewürztraminer, l’altro filetto e Schioppettino. Il problema è che a ordinare vino germanofono e pesce di chissà dove, in un ristorante di Milano, è stato il massimo difensore dell’autoctonia italiana. E quindi non Tosi bensì Salvini. Avrei preferito il contrario per poter interpretare la successiva rottura fra i due come un episodio della guerra del sangue (in questo caso la purezza salviniana) contro l’oro (il machiavellismo tosiano). Macché. E pensare che conosco l’incoerenza leghista da quando andai a Pontida, da quando vidi pasteggiare a Coca Cola gente che a parole voleva tornare più o meno ai confini dei Liberi Comuni mentre nei fatti dimostrava di essere totalmente mondializzata. Tornando a Salvini, un’ordinazione come la sua, cibo apolide e vino straniero, e aromatico, e in quanto aromatico femmineo, fatico a tollerarla da una donna giovane e bella: perché dovrei accettarla da un uomo con la barba? “Dal frutto si conosce l’albero”, dice inoltre il mio maestro. Le ordinazioni al ristorante sono frutti, gravidi di conseguenze a cominciare dagli spostamenti di quote di mercato da una tipologia di vino a un’altra, da una cultura a un’altra, da un sistema nazione a un altro. So di essere intollerante ma come posso non giudicare quando lo stesso libro che me lo proibisce, il Vangelo, poi mi fornisce strumenti di giudizio ineguagliabili?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi