Meglio l’uomo forte

Macron, ad averne. Ma serve uno che si rivolge al suo paese, che abbia in mente qualcosa. Il resto è nulla. Ci provi, Renzi

Giuliano Ferrara

Email:

ferrara@ilfoglio.it

Meglio l’uomo forte

Matteo Renzi al cimitero dei Falciani per il Memorial Day (foto LaPresse)

L’uomo solo al comando non mi basta. Voglio l’uomo forte. L’etica della responsabilità con il calcolo delle conseguenze ormai mi deprime, voglio l’etica della convinzione, fa’ quel che devi avvenga quel che può. Trump e Grillo sono due buffoni, ma buffoni forti, narcisisti di ferro. Corbyn è uno strongman di due secoli fa, ma è forte, ha attraversato il dolore, ha rischiato, ha convinto con un appello impossibile ma pervicace un popolo chiaramente indementito. Macron è un fortissimo, faccio tutto...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • aldo.vanini

    14 Novembre 2017 - 12:12

    Più che uomo forte, lo definirei l'uomo che si prende le sue responsabilità. Il resto è modesta tattica di sopravvivenza. E modesta, perchè di sopravvivenza propria e non della nazione. Guai a farsi intrappolare (fare intrappolare la nazione) nel gioco ancor più modesto di non ha altro disegno politico (da anni) di compiere le proprie personali vendette. Si apre, in questi mesi, uno spiraglio di risalita possibile per l'Italia. E' indispensabile, però, uscire dalla spirale di logoramento. Non ostante tutto, Renzi, in questo momento , è l'unico che non abbia più nulla da perdere e pertanto possa giocare la partita senza prudenza.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    14 Novembre 2017 - 12:12

    Ma stù Macron che ha combinato ad oggi a parte approvare la mostra delle cosciotte delle sua adorata babbiona?Quale messaggio universale ha rivelato/donato al mondo civile ed incivile . luigi de santis

    Report

    Rispondi

  • agostinomanzi

    14 Novembre 2017 - 12:12

    Se Veltroni avesse avuto quegli attributi ai tempi fondativi del Pd e avesse mandato al diavolo il Di Pietro, che chiese ed ottenne - unico - di poter affiancare il PD dall'esterno con la sua Italia dei Valori (fa ridere il solo ripensare al nome del partito), la storia dell' Italia sarebbe stsya un'altra e forse oggi avremmo ancira un sistema maggioritario che invoglia i prodi e non gli inetti.

    Report

    Rispondi

  • bezzicante

    14 Novembre 2017 - 11:11

    Boh? Ma è Ferrara che è venuto dalla parte delle mie idee, sono io che sono scivolato a destra o sono i tempi, nuovi, che stanno richiedendo una mentalità e una visione nuove? Concordo con tutto, ovviamente. Ma, onestamente, incomincia a sembrarmi troppo tardi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi