Per salvare la sinistra Renzi deve superare il Pd con un salto alla Macron

Notizia falsa ma vera. E' il momento dell’etica della convinzione

Notizia falsa ma vera. Per salvare la sinistra Renzi deve superare il Pd

LaPresse / Roberto Monaldo

La notizia falsa è vera. La smentita vera è falsa. Il quotidiano Repubblica ieri ha annunciato che Renzi chiude il Pd e fa Macron (una specie di “facce Macron” alla Alberto Sordi). Falso ma vero. Falso, perché la base del fenomeno Renzi è la conquista della guida del Partito democratico messa ai voti nelle primarie, e non avrebbe senso tagliare il ramo su cui si sta seduti, per quanto scomodi. Vera, perché Renzi non è mai stato un normale segretario...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Carletto48

    09 Novembre 2017 - 18:06

    Se nelle prossime elezioni nazionali dovesse vincere la coalizione che vede come protagonista non giocatore Berlusconi ed il Pd avesse una quota che permettesse la maggioranza 'compromettendosi' con il CAV, io vedrei bene un governo conservatore con Renzi come capo dell'esecutivo. Il nostro avrebbe vita più facile a confrontarsi con i 'nemici' del centrodestra che con i suoi 'amici' della sinistra.

    Report

    Rispondi

  • ravas

    09 Novembre 2017 - 16:04

    Ho sempre votato a sinistra e sono tifoso di Renzi. Trovo però fondata l'accusa lanciata da Berlusconi : il PD è inaffidabile! Qualunque cosa la maggioranza decida, una quasi metà si oppone, cerca di far fallire l'operazione ed allunga il piedino sperando di far inciampare Renzi. Se Renzi proporrà il pantano, il giorno delle elezioni me ne andrò al mare!

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    09 Novembre 2017 - 13:01

    Sbagliato per Renzi rimanere su posizioni di retroguardia, cioè trattare con coloro che sono stati spintamente aiutati ad andarsene dal partito dopo che, per tre anni, lo hanno impallinato. Sarebbe, oltre al suicidio, miopia pura di un leader non leader. Giusto invece continuare il processo di adeguamento del partito alla realtà attuale di un paese, il nostro, che deve essere “rivoluzionato”. Se nuovo Macron deve essere che lo sia fino in fondo e determinato. Renzi ha circa cinque mesi di tempo per agire, dare agli elettori quelle motivazioni diverse che li spingano a votare per lui. Cercare il 40% dei si al referendum non ha una logica politica. Il nuovo PD legato ad una sinistra che frena il cambiamento porterà sicuramente ad una sconfitta. Giocare la novità, il cambiameto, è la sola via che ha Renzi se poi non sarà più socialismo ma altro e accettato, la rivoluzione è fatta. L’alternativa? tornarsene a casa ma con la dignità per averci provato.

    Report

    Rispondi

  • DBartalesi

    09 Novembre 2017 - 12:12

    Abbiamo come lei nel cuore il PD di Renzi perchè ci ricorda tanto il PSI di Craxi. Quindi condividiamo analisi e le conclusioni del suo articolo e assieme gli diciamo: Avanti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi