"Bisogna reagire al giustizialismo e alla cultura del sospetto". Parla Barbano

Il direttore del Mattino su Rosy Bindi e codice antimafia

"Bisogna reagire al giustizialismo e alla cultura del sospetto". Parla Barbano

Foto LaPresse

Roma. Quando la presidente della commissione Antimafia Rosy Bindi ha attaccato alcuni direttori (“mi sembra che facciano gli interessi dei loro proprietari, dei loro editori, che sono costruttori”), ce l’aveva con Alessandro Barbano, direttore del Mattino di Napoli, che ha la colpa di aver preso una posizione critica rispetto al nuovo Codice antimafia, che estende le misure di prevenzione antimafia ai sospettati di corruzione e stalking. “E’ stato un attacco molto spiacevole, che offende l’autonomia dei giornalisti – dice Barbano...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi