Quando il deficit non fa debito. È l’assurda Gigginomics, bellezza!

La strategia economica di Di Maio: andare a Francoforte e minacciare di buttarsi dal tetto dell’Eurotower

Quando il deficit non fa debito. È l’assurda Gigginomics, bellezza!

Luigi Di Maio (foto LaPresse)

Roma. Passato lo scontro sulla legge elettorale, ciò di cui si tornerà necessariamente a parlare è l’economia, prima per la tappa cruciale della legge di Stabilità e successivamente per la campagna elettorale. E’ su questo terreno, insieme a quello dell’immigrazione, che le forze politiche cercheranno di conquistare la fiducia degli elettori. Ed è su questo terreno che si misura la qualità e la credibilità delle proposte politiche. In una delle sue prime uscite pubbliche in qualità di candidato premier del...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • stef.boselli

    12 Ottobre 2017 - 19:07

    Voto anche io per il piano C, quello del salto dal tetto della Eurotower.

    Report

    Rispondi

  • Enrico

    12 Ottobre 2017 - 09:09

    In fondo è solo la ricetta Tsipra-Varoufakis del 2015: qualche mese di fuochi d'artificio negoziali, un referendum particolarmente farlocco, la sacra rappresentazione della riunione-fiume a Bruxelles e poi due anni di crudele stretta fiscale. Visto che non ne è stata intaccata la popolarità di Syriza (a parte i sondaggi che in Grecia significano ancor meno che altrove) perché mai i grillini non dovrebbero copiarla?

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    12 Ottobre 2017 - 07:07

    Questa si che è una idea. Di Maio, tutto il paese spera nel tuo coraggioso gesto.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    12 Ottobre 2017 - 07:07

    Sarebbe meglio per tutti, e soprattutto per lui, se passasse direttamente al piano C.

    Report

    Rispondi

Servizi