Buon compromesso contro lo sfascio

La nuova legge elettorale separa le forze affidabili da quelle non affidabili. Bene

Buon compromesso contro lo sfascio

(foto LaPresse)

La riforma elettorale approvata giovedì sera alla Camera dei deputati – il così detto Rosatellum, un sistema misto proporzionale con correzione maggioritaria – è una riforma che deve ancora passare le forche caudine del Senato ma è una riforma che probabilmente sarà quella con cui andremo a votare nella prossima primavera. Si dirà: è una buona o una cattiva riforma? La risposta è: l’unica riforma possibile, l’unica che può permettere alle forze politiche più responsabili di correre alle elezioni sfidando i...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    13 Ottobre 2017 - 00:12

    Infatti, che non è se sfascio il Luigi Di Maio che proclama: "Veglia per la democrazia in piazza." Semanticamente, politicamente dice il contrario di "Veglia in piazza per la democrazia" Non potremo dire che non abbiano chiarito il loro vero progetto e intento politico: la piazza e il suo suggello la piattaforma Rousseau, sono la democrazia. Bene, quella genia è meglio stia alla larga dal governo del Paese. Quella brava persona che è Pierluigi Bersani, a Piazza Pulita, si arrampica sui sogni. Ma è comprensibile: quando suona la sveglia, non ti resta altro che continuare a sognare.

    Report

    Rispondi

Servizi