D’Alema-Grillo, diversi ma uguali

La piazza di sinistra e le analogie indicibili tra Mdp e M5s

Marianna Rizzini

Email:

rizzini@ilfoglio.it

D’Alema-Grillo, diversi ma uguali

Mdp e Articolo1 al Pantheon contro la legge elettorale (foto LaPresse)

Roma. La piazza è diversa: il Pantheon per Mdp, Sinistra italiana, Possibile, civici del “no” al Referendum e seguaci di Giuliano Pisapia in pace momentanea con coloro con cui Pisapia ha litigato l’altroieri; Montecitorio per i Cinque stelle. L’orario anche: le 17 e 30 nel primo caso, dalle 13 a oltranza nel secondo (con idea di “vegliare” sulla legge elettorale sui cui è stata posta la fiducia). Ma la cosa che fa sobbalzare il militante di Mdp che ascolta da...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mario.patrizio

    12 Ottobre 2017 - 12:12

    Non so i 5 stelle che, comunque, hanno da fare con le scatolette. Da loro possiamo apprezzare le uscite estemporanee di manovratori e manovrati. Per i post-comunisti il discorso è un tantino diverso. Non può sfuggire, nemmeno a loro, i limiti numerici. La rivoluzione è tramontata, la breve stagione maggioritaria ha messo in crisi il consociativismo e neppure la via giudiziaria gode buona salute. S'impone la guerra d'interdizione con l'obiettivo di arrivare a patti. E' così da almeno quarant'anni ed ha funzionato, lo prova il debito pubblico.

    Report

    Rispondi

Servizi