Mastella torna a brillare

Caduta e resurrezione politica dell’ex ministro della Giustizia fatto fuori da un’inchiesta flop

Mastella torna a brillare
"Lentamente muore...” diceva in Senato l'appena dimesso ministro della Giustizia Clemente Mastella, citando una poesia “lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine... muore lentamente chi evita una passione... lentamente muore chi non capovolge il tavolo... evitiamo la morte a piccole dosi...”. E’ un momento storico, il governo Prodi è in bilico, si tiene in piedi con lo sputo, grazie ai senatori a vita, e si vota la fiducia. Non ha ricevuto la solidarietà di nessuno nel governo dopo il terremoto giudiziario...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    18 Settembre 2017 - 12:12

    Il modello Mastella è un modello ,salvo differenze piccole determinate dal momento storico politico, collaudato. Alla faccia beota del popolo sovrano la sovranità appartiene all' Anm ,una associazione di privati che hanno in comune l'essere magistrati della repubblica con incarico non elettivo ,ma semplici funzionari dello stato . Ci sono avvocati ossessionati da eventi a loro non condivisi che presentano nei tribunali istanza di incostituzionalità per questa o quella legge o progetto o decreto ordinanza peti vari ,oberando la suprema corte con i loro deliri. Nessuno ancora ha presentato istanza di incostituzionalità della Anm ,essendo incompatibile la funzione giuridica del magistrato -che per altro giura fedeltà alla repubblica -con una attività meramente sindacale che spesso si sovrappone o ostacola o condiziona i compiti del Csm (organo di autoregolamentazione delle toghe ) non come ipotesi ma alertis verbi leggendo la sua attività ben descritta dagli organi di stampa.Un orrore,

    Report

    Rispondi

Servizi