Per un paese riformista

La Grande coalizione va bene per approvare le riforme, ma serve uno sforzo in più per renderle condivise

Per un paese riformista

Il governo Monti (Foto LaPresse)

Nel suo editoriale del 9 settembre scorso, Claudio Cerasa offre una lettura controcorrente e moderatamente positiva della situazione politica ed economica dell’Italia. L’originalità dipende dal fatto che Cerasa ingloba nel giudizio positivo gli ultimi sei anni, a partire dall’insediamento del governo Monti nel novembre 2011. La sua argomentazione poggia sull’immagine molto suggestiva della “safety car”, l’auto di sicurezza che entra in pista quando una gara diventa rischiosa, rappresentata nella realtà del nostro Paese dalle coalizioni politiche allargate che hanno sorretto...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi