Dopo lo ius soli, i vitalizi. Così il Pd rischia un doppio boomerang

Al Senato la maggioranza non ha i numeri per approvare la legge sulla cittadinanza che per ora viene tolta dal calendario dei lavori. E anche il ddl Richetti rischia 

Dopo lo ius soli, i vitalizi. Così il Pd rischia un doppio boomerang

Una manifestazione di CasaPound contro la ius soli (foto LaPresse)

Roma. Niente ius soli e chissà che fine faranno i vitalizi. La riapertura dei lavori parlamentari regala due boomerang per il Pd su due provvedimenti considerati prioritari. “Approvare lo ius soli - dice il capogruppo al Senato Luigi Zanda - rimane l’obiettivo prioritario ed essenziale ma serve una maggioranza e in questo momento non c’è perché anche i gruppi che lo hanno votato alla Camera non mostrano di volerlo votare al Senato”. Tutti nel governo e nel Pd, da Paolo Gentiloni ai vertici del partito, avevano assicurato l’impegno per far approvare prima possibile il ddl sullo ius soli. Solo che “prima possibile” ognuno lo interpreta a modo suo e alla fine a esultare sono soprattutto la Lega, Ap e il M5s. “Vittoria della Lega: abbiamo affossato la legge sulla cittadinanza. Il Pd ha rinunciato allo ius soli, Zanda in capigruppo ha ammesso che al Senato non hanno i numeri per approvarla. Pericolo scampato, ma restiamo vigili e pronti alle barricate perché questo Paese ha bisogno di tutto tranne che di regalare la cittadinanza agli immigrati”; dice Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato. L’errore della maggioranza è aver puntato su una legge giusta senza aver però verificato i numeri. Nel centrosinistra c’è chi teme che l’approvazione del ddl sullo ius soli sarebbe un regalo alla Lega, e d’altronde i tempi in politica sono tutto o quasi, ma il pasticcio è essersi spesi in una promessa senza poterla onorare.

 

Sullo ius soli serve razionalità, non lezioni sentimentali

E’ il momento di spiegare con calma e sangue freddo come stanno le cose piuttosto che dare libero sfogo a piccole demagogie

 

Sui vitalizi rischia di esserci il secondo boomerang. Il ddl Richetti, già approvato alla Camera prima della pausa estiva, riprenderà mercoledì 13 il suo iter parlamentare in commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama. Anche qui però c’è il rischio che salti. In questo caso a esultare sarebbe il Ms5, la cui indignazione di rito è solo strumentale. Se il ddl sui vitalizi venisse procrastinato a data da destinarsi, si compirebbe così il capolavoro del Partito democratico: aver fornito un alibi a Grillo per poter gridare al solito complotto di Palazzo contro la “gggente”. Nel frattempo, oltretutto, il Pd ha fatto campagna elettorale per i temi degli avversari. Potrebbe venir fuori insomma un capolavoro di tafazzismo. I Cinque Stelle hanno capito che i vitalizi hanno creato non pochi problemi dentro il Pd, come dimostrano le sortite di Ugo Sposetti ma anche quelle di Zanda sui possibili profili di incostituzionalità. “Tutti i partiti difendono i vitalizi. Durante la conferenza dei capigruppo che ha deciso il calendario delle prossime tre settimane ho proposto la calendarizzazione in aula dell'abolizione dei vitalizi, approvata alla Camera ai primi di agosto. Tutti i rappresentanti dei partiti, dal Pd alla Lega passando per Forza Italia e Mdp sono stati muti come pesci snobbando di fatto la proposta di calendarizzazione. Un silenzio che dimostra la loro volontà di affossare la legge Richetti”, dice Enrico Cappelletti, capogruppo del MoVimento 5 Stelle Senato. Alla voce del manuale della politica “Errori da non fare” c’è proprio quello che il Pd sta commettendo sui vitalizi. Ed è un errore surreale se si pensa all’attuale fase storica, in cui persino i populisti su alcuni temi hanno cominciato a rinnegare il populismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauro

    13 Settembre 2017 - 08:08

    Lo ius soli legge giusta eh? Tanto qui di spazio ce n'è finche se ne vuole, ricchezza da spartire pure. Non è quindi solo un imperativo morale, anche la logica supporta i buoni sentimenti.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    12 Settembre 2017 - 20:08

    Ci pensano i PD e non solo perché i vitalizzi sono un boomerang per tutti compresi i pensionati quindi si sherza con almeno sei milioni di voti. Poi a chiacchiere li tolgono a chi già li ha, un bordello di conti. Diverso per chi dovrà averli perché glieli hanno già tolti. Tutta politica da il martedi a piazza pulita. Tra poco ammorberanno l'etere. Il popolo applaude però poi se li tocchi si incazzano. Viva i romani: panem et circenses.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    12 Settembre 2017 - 19:07

    Sono le gioie delle maggioranze di coalizione, dove ciascuno tira l'acqua al suo mulino, bellezza! Ma ci siamo abituati, anzi dalle prossime politiche in poi, saranno gioie quotidiane. Si può, ragionevolmente sperare che non sia così? Sperare non costa nulla, specialmente quando la probabile alternativa non piace a nessuno. Infatti cosa di meglio,per le forze politiche dell'ingovernabilità pilotata: toglie le responsabilità e dà un pezzo di pane a tutti.

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    12 Settembre 2017 - 18:06

    Richetti & Renzi Company della trbù PD: I DUE MAORI in Italia.

    Report

    Rispondi

Servizi