La ratificazione diretta

Il mistero buffo delle primarie grilline come certificazione di un bluff

La ratificazione diretta

Foto LaPresse/Roberto Monaldo

L’antidemocraticità sottesa alla democrazia diretta non è certo scoperta di oggi, così come non lo è il dibattito sulla “delega” al parlamentare, delega che a molti continua (per fortuna) ad apparire come necessaria nonostante le tiritere anticasta. Ma che nell’autoproclamata casa della democrazia diretta, e cioè nel M5s, non si riesca a domare il supposto strumento taumaturgico capace di sanare le ferite del cosiddetto sistema marcio dei poteri forti e dei partiti ladri, e cioè il voto online, è certezza...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi