Scontro tra generazioni

Quant’è miope una politica che spreca fortune sulle pensioni e non pensa a investire per i giovani

Luciano Capone

Email:

capone@ilfoglio.it

Scontro tra generazioni

Pensionati si abbronzano sul Monte Maddalena (foto LaPresse)

Roma. I dati sull’aumento dell’occupazione dovrebbero spingere la politica a una riflessione sulle priorità immediate e di lungo termine per mettere l’economia su un sentiero di crescita. In cima alla lista della spesa per la prossima legge di Stabilità ci sono due temi: giovani e anziani, decontribuzione per chi entra nel mondo del lavoro e interventi sulle pensioni per chi esce o già è uscito. Nella maggioranza e nel governo ci sono posizioni differenti, in certi casi contrapposte. C’è chi vuole tenere tutto insieme e dare un po’ a entrambe le categorie, c’è chi vuole aiutare i pensionati e c’è chi vuole invece puntare sul lavoro (“Sarebbe un errore scegliere come priorità la previdenza rispetto all’occupazione giovanile”, ha dichiarato il viceministro dell’Economia Enrico Morando). Ma la sensazione è che quanto più ci si avvicina alla stesura della manovra tanto più si intensifica il pressing sulle pensioni e si fa sentire il peso elettorale degli anziani.

  
È emblematico in questo senso l’incontro tra il ministro del Lavoro Giuliano Poletti e i sindacati dei lavoratori tutto centrato sulle pensioni. Per disinnescare il derby tra generazioni si è parlato anche dei bisogni dei giovani, in assenza di giovani, ma sempre in ambito pensionistico. L’idea è quella di una pensione minima da 650 euro per le nuove generazioni che hanno carriere discontinue e pochi contributi. La promessa per i giovani non ha costi attuali, perciò piace ai sindacati, è un debito implicito che si manifesterà tra qualche decennio, e si scaricherà sui contribuenti futuri, ovvero i giovani di domani.

  
Dall’altro lato, in cambio di questo omaggio a carico dei posteri, i sindacati vogliono passare all’incasso chiedendo provvedimenti per la categoria che sta a loro più a cuore (non i lavoratori, ma i pensionati), come il blocco dell’adeguamento dell’età pensionabile all’aspettativa di vita, che costerebbe circa 1,5 miliardi. Sembrano pochi soldi, ma per fare un paragone è una cifra quasi pari a quella che il governo ha stanziato per il Reddito di Inclusione per aiutare 2 milioni di persone in povertà assoluta (con altri 2,6 milioni che ne restano fuori).

  
È naturale che la politica non possa ignorare la logica del consenso elettorale, ma a un certo punto, oltre a ciò che è conveniente, una classe dirigente lungimirante dovrebbe pensare a ciò che è giusto. E ci sono due motivi per cui tutti gli sforzi e tutte le poche risorse dovrebbero essere concentrati su giovani e lavoro. Il primo è dato dai numeri sull’occupazione: in Italia su 60 milioni di abitanti ci sono 23 milioni di occupati e 23,5 milioni di pensioni percepite da 16,5 milioni di pensionati). Il buon senso, rispetto a un paese che storicamente ha uno dei tassi di occupazione più bassi del mondo sviluppato, suggerirebbe l’opportunità fare in modo di aumentare il numero di persone che lavorano, anche perché sono quelle che pagano le pensioni.
   

L’altro motivo è di equità. I pensionati non sono solo tanti, ma stanno anche relativamente meglio. Sono la fascia che è uscita meglio dalla crisi. I dati Istat dicono che dal 2007 la povertà assoluta è più che quintuplicata per i giovani (dall’1,9 a oltre il 10 per cento), mentre è diminuita per gli over 65 (dal 4,8 al 3,9 per cento). Negli ultimi 20 anni il reddito e la ricchezza di giovani e anziani hanno imboccato direzioni opposte, in crescita per i nonni e in calo per i nipoti. E questo per un sistema di welfare totalmente sbilanciato a favore dei più anziani. L’Istat non solo dice che nel nostro paese più che altrove, “gran parte dell’azione redistributiva è svolta dai trasferimenti pensionistici”, ma evidenzia come per i giovani il ruolo dello stato sia una sciagura: dopo l’intervento pubblico (il mix di tasse e benefici) “per le fasce più giovani della popolazione aumenta il rischio di povertà”.

  
Concentrare le risorse sui giovani non è solo un investimento sulla crescita economica e sul futuro del paese, ma anche un intervento per raddrizzare un sistema ingiusto che crea problemi nel presente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • albertoxmura

    01 Settembre 2017 - 11:11

    Occorrerebbe rendere più veloce il passaggio al contributivo per tutti, riducendo la quota pensionistica calcolata con il metodo retributivo. Una volta passati al contributivo il problema dell'età perde significato: ognuno dovrebbe andare in pensione quando decide di farlo, con la pensione che risulta dalle sue contribuzioni. In particolare andrebbe abolito il collocamento a riposo coatto per raggiunti limiti d'età (fatti salvi i casi di palese incapacità a svolgere i compiti lavorativi, da decidersi caso per caso).

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    01 Settembre 2017 - 10:10

    Faccio notare che, contrariamente a quanto asserito nell'articolo, il blocco dell'adeguamento dell'età pensionabile sta a cuore soltanto ai lavoratori, Ai pensionati che glene importa: sono appunto già in pensione

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    01 Settembre 2017 - 10:10

    Tutti cianciano di crescita. Abbiamo finalmente fatto ripartire il motore, gridano, senza crescita non c'è' futuro....lo Stato deve essere il motore dello sviluppo. A parte il fatto che a legger seriamente le statistiche europee sulla crescita c'e' chi traina e chi e' trainato, e non e' constatazione da poco. Ma a legger le cronache par di capire che da noi lo Stato e' e sarà sempre più motore assistenziale. Tutti reclamano sempre maggiore assistenza aggiornando continuamente la carta dei diritti. Il numero degli assistiti e' inesorabilmente destinato a crescere, ha sottolineato Il Foglio commentando gli ultimi attendibili dati di uno studio sul futuro tedesco. Sarebbe corretto e doveroso aggiungere che ciò comporterà inevitabilmente che una quota sempre maggiore della retribuzione di chi lavora dovrà essere prelevata e accantonata per coprire i costi di questa montante marea assistenziale, frutto principalmente dell'allungamento della vita e del decremento demografico.

    Report

    Rispondi

Servizi