Il "Bastaunsì" di Grillo

Ecco a voi, sul Sacro Blog, la riforma costituzionale che abolisce il Cnel (con un certo ritardo sul 4 dicembre)

Il "Bastaunsì" di Grillo

Foto LaPresse

Roma. Urge semplificare, tagliare gli sprechi, ridurre i costi, abolire gli enti inutili. Finalmente, “dopo mesi di lavoro, di studio e di confronti con diversi esperti, siamo orgogliosi di aprire la discussione sul programma delle Riforme istituzionali del MoVimento 5 Stelle”. Da ieri, il frutto di tanto lavoro campeggia sul Sacro blog ed è naturalmente in votazione, come tutte le altre parti del programma made in Casaleggio Associati. Gli elettori sinceramente democratici del partito di Beppe Grillo, invitati di recente a cambiare password dopo le intrusioni informatiche, sono dunque edotti sui contenuti del futuro programma politico, e sia il vostro parlare sì, sì; no, no; “il di più viene dal maligno”. Tra i primi punti della proposta per riformare la Costituzione – non alla puzzona, beninteso, ma secondo precetti onesti e democraticamente ineccepibili – il movimento del Casalgrillo introduce alcune novità assolute, mai viste nella politica italiana degli ultimi anni, che dico!, decenni. Leggiamole: “E’ nostra intenzione introdurre la riduzione del numero dei parlamentari e delle loro indennità, nonché la modifica dell’immunità penale dei parlamentari, che deve essere limitata alle opinioni e ai voti espressi nell’esercizio delle funzioni. Desideriamo anche cancellare le Province e il CNEL dalla Costituzione”.

 

Ma come? Valanghe di insulti contro i “serial killer della vita dei nostri figli” (Grillo), migliaia di chilometri macinati da Dibba a bordo della sua Lambretta in giro per l’Italia, decine di post dell’autorevole Di Maio che confonde Venezuela e Cile (“Il referendum Renzi lo sta trasformando in un voto su se stesso, ha occupato con arroganza la cosa pubblica, come ai tempi di Pinochet in Venezuela. E sappiamo come è finita”), nottate di studio costituzionale matto e disperatissimo per Paola Taverna, che ancora non s’è ripresa dal complotto per far vincere Virginia Raggi (“Ma lo sa che io quanno so’ arrivata qua me la so’ studiata tutta la Costituzione? Cioè, no, capito? Io me so’ voluta fa’ trova’ preparata. E questi invece mo’ ce chiudeno er Senato...”), alcune improvvide dichiarazioni dell’“esperta” senatrice Barbara Lezzi – quella del pil che sale grazie al caldo – per dire che per ridurre i parlamentari basta un decreto, senza cambiare la Costituzione (spoiler: è falso), insomma un dispiegamento di forze notevole e poi la macchina da guerra del Casalgrillo ci estrae dal blog, pardon, dal cilindro, le proposte di “Bastaunsì”? Dalla diminuzione dei costi al taglio del Cnel. Persino sull’immunità, che in realtà la riforma voluta dal Pd non toccava, il comitato di Renzi giocava con le parole e faceva l’occhiolino ai populisti, dicendo che la riduzione dei parlamentari a 730 avrebbe comportato una “riduzione del numero di politici coperti da immunità parlamentare”. Nella proposta di revisione costituzionale del Movimento c’è un’altra novità assoluta: il voto per i 16enni. Un’idea già lanciata da Matteo Salvini nel 2015 e che il Pd mette già in pratica per l’elezione del suo segretario. Comunque, a questo punto, visto che tra le proposte grilline c’è il “rafforzamento degli strumenti di democrazia diretta” il M5s potrebbe farsi venire in mente un’altra idea geniale: proporre un referendum per cambiare la Costituzione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    20 Agosto 2017 - 12:12

    Non simpatizzo per niente con il M5stelle. In questa proposta di riforme in ogni caso Grillo e compagni dovrebbero proporre l'abolizione del Senato, 'abolizione delle province per le quali si erano pronunciati nelle lezioni del 2013 e comunque non si può essere d'accordo sui diritti di voto ai sedicenni ,salvo che dalle elementari non si facciano crisi di scienza della politica.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    19 Agosto 2017 - 13:01

    Al direttore - Un copia incolla da asilo infantile. Spiccano tre punti: il voto ai sedicenni, abolizione del vincolo di mandato e la mancanza di una proposta per il riordino dell’organizzazione e delle competenze delle funzioni giudiziarie. La riforma della giustizia non è roba da proposta programmatica. La foto dei quadrunviri, il suo valore fisiognomico, che esprime nullità assolute, in un paese, appena normale, confinerebbero la corposa bufala al regno del ridicolo.

    Report

    Rispondi

Servizi