Arturo Parisi: il ddl Richetti è frutto dell’antipolitica

Il voto alla Camera sul ddl Richetti "non è la vittoria di nessuno, non è una vittoria, è una concessione demagogica"

Arturo Parisi: il ddl Richetti è frutto dell’antipolitica

Arturo Parisi (foto LaPresse)

Roma. La furia grillina sui vitalizi – laddove per grillina s’intende sia quella del Pd sia quella del M5s – crea parecchie perplessità anche nel partito di Matteo Renzi. Per il professor Arturo Parisi, “se si muove dalla necessità di iniziare a metter un qualche riparo alla montagna del nostro debito pubblico” è “ un primo passo che ne chiede immediatamente di altri da parte di tutte le categorie avvantaggiate oltremisura dal metodo contributivo. Ripeto, un primo passo che, pur dentro una iniziativa straordinaria pensata tuttavia per tutti, non può non iniziare da chi riveste responsabilità politiche”. “Pensato invece come una iniziativa per i soli parlamentari” è “un provvedimento figlio e allo stesso tempo padre di un pericoloso sentimento antipolitico che nutre ma non sazia la belva che sta divorando la nostra democrazia.

Tra cori e applausi la Camera abolisce i vitalizi. Ve lo meritate Beppe Grillo

Scene da stadio per l'approvazione della legge Richetti. Così la politica si piega e delegittima se stessa e il Parlamento GUARDA IL VIDEO

Il frutto avvelenato dell’incontro tra la codardia di forze che dovrebbero pensarsi al governo anche quando sono all’opposizione, e della irresponsabilità di forze che si pensano all’opposizione anche quando sono al governo”. Molto perplesso, diciamo così, anche il ministro della Giustizia Andrea Orlando. “Spesso Renzi ha inseguito i 5 stelle, un errore”. Il voto alla Camera sul ddl Richetti “non è la vittoria di nessuno, non è una vittoria, è una concessione demagogica. Si poteva mettere un tetto massimo a pensioni e vitalizi senza procedere a un ricalcolo che rischia di essere esteso ad altre categorie. Nessuno esclude che lo si possa fare per altre categorie, è un precedente pericoloso. Si è aperta una breccia, oggi tocca i parlamentari domattina può toccare altri tipi di pensionati”. Il ministro al momento del voto non era “in aula perché in missione, ma mi sarei attenuto alla maggioranza del mio gruppo perché in un partito ci si sta così. Penso che al Senato la legge venga approvata così, poi i senatori hanno la possibilità di valutare modifiche...”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    28 Luglio 2017 - 09:09

    Confesso di capirci poco su ciò che dice e pensa il prof. Parisi. Ma la politica che si fa antipolitica mi fa solo pensare al personaggio Tafazzi inventato e portato in scena con successo e mille risate dal trio comico Aldo Giovanni e Giacomo. Che spettacolo la corsa con spintoni e insulti tra renziani e grillini ad arrivar primi al traguardo dell'antipolitica. Basta con la casta dei parlamentari. Altro che massima espressione e rappresentanza democratica della sovranità popolare. Sono semplici cittadini come tutti, sicche' e' finalmente ora che il Parlamento sia considerato nulla più di un condominio, nell'esultanza popolare. Le remote Istituzioni democratiche che mai saranno? Dove sta scritto che il popolo debba eleggere i parlamentari aventi addirittura il privilegio d'essere chiamati onorevoli? E infatti giace già la proposta di abolire quell'on. che non ha alcun senso d'esser premesso al nome di comuni e litigiosi amministratori di condominio. Altro che immunità e privilegi.

    Report

    Rispondi

Servizi