I tormenti di Pisapia

L’ex sindaco di Milano non riesce a sistemare le cose con i dalemiani ed è ancora indeciso sulla candidatura

I tormenti di Pisapia

Piazza SS Apostoli. Giuliano Pisapia presenta "Insieme" (foto LaPresse)

I dubbi tormentano Giuliano Pisapia. Il “leader riluttante”, come lo ha definito Gad Lerner, suo consigliere e amico, è sempre meno convinto di questo “matrimonio” con Mdp-Aricolo21. L’ex sindaco di Milano ha interpretato la reazione furente degli scissionisti del Pd al suo abbraccio con la sottosegretaria Maria Elena Boschi come un tentativo preventivo di mettergli la mordacchia e di condizionarne l’autonomia. Perciò in questi giorni Pisapia sta meditando seriamente e con grande tormento sull’opportunità di scendere in campo. Qualche caro amico gli consiglia di sfilarsi con un nobile discorso in cui dovrebbe dire che ha provato a unire il centrosinistra ma non ci è riuscito. Dopodiché il divorzio da Mdp non sarebbe propedeutico a una discesa in campo in solitario. L’ex sindaco ha detto e ripetuto mille volte che non è sua intenzione fare l’ennesimo partitino della sinistra. Perciò, se Pisapia dovesse decidere di non unire più il suo destino politico a quello di Massimo D’Alema, Pier Luigi Bersani e Roberto Speranza, non promuoverebbe una sua lista, ma farebbe un passo di lato.

  

L’ex sindaco, a dire il vero, non ha ancora chiaro in mente il suo futuro, però qualche puntino sulle i lo vuole mettere. Per esempio non solo non intende costruire uno schieramento con la Sinistra italiana di Nicola Fratoianni, ma non vuole nemmeno andare alle elezioni con i “civici” di Tomaso Montanari, come vorrebbe invece D’Alema. Per questa ragione mercoledì scorso ha inviato il fido Lerner a un incontro pubblico con Montanari e compagni. Il mandato era quello di “rompere”. Cosa che Lerner ha cercato di fare da subito, proclamando di aver votato sì al referendum del 4 dicembre e accusando quest’area di favorire, nei fatti, la destra. Dopo il suo intervento la platea ha rumoreggiato anche vistosamente, ma Montanari, dopo aver risposto per le rime, ha comunque ribadito di essere pronto a fare un cartello elettorale con l’ex sindaco. Insomma, il tentativo di sganciamento non è andato a buon fine.

  

Nel frattempo i rapporti di Pisapia con Massimo D’Alema continuano a essere pessimi. L’ex sindaco non si è scusato dei frizzi e lazzi che i suoi consiglieri più vicini avevano indirizzato all’ex premier nei giorni scorsi, e l’ex ministro degli Esteri ha fatto sapere che se Pisapia vuole essere il leader non può fare di testa propria, perché “l’epoca dell’uomo solo al comando è tramontata”. Intanto il presidente della giunta regionale del Lazio, Nicola Zingaretti, è preoccupato per queste divisioni, dal momento che intende ripresentarsi agli elettori con uno schieramento che metta insieme la sinistra fuori dal Pd e il Pd stesso. E la freddezza dei rapporti tra i vertici di Mdp e Pisapia lo mette a disagio.

  

Un altro nodo che l’ex sindaco di Milano non è riuscito ancora a sciogliere è il limite dei mandati. Secondo lui dopo il secondo nessuno deve pensare di potersi ripresentare. E del resto una regola simile, per quanto meno ferrea (tre mandati) è quella adottata da Matteo Renzi. Il quale, in realtà, è anche pronto a derogare, dal momento che i parlamentari con più di tre legislature alle spalle sono tanti, ma vuole che siano i diretti interessati a chiederlo, esponendosi. Pisapia invece vorrebbe evitare anche le deroghe. Però anche Bersani, che è l’esponente degli scissionisti in migliori rapporti con lui, hha fatto sapere che intende candidarsi e che su questo non transige: “Fallo anche tu, ma non pensare di impedire agli altri di farlo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    26 Luglio 2017 - 00:12

    Pisapia Pisapia..per pur bravo che tu sia preferisco la Madia

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    25 Luglio 2017 - 11:11

    Il bravo Piasapia . Ex rifondarolo ha origini molto sinistre ,si sta accentrando ma non troppo.Da vecchio sinistro sinistro sente affinità con Tomaso Montanari ma essendo intelligente non vuole arretrare la sua sinistrosità alla presa della Bastiglia come pretendono i neo bolscevici di Sinistra libertà (!) . Per ora si è travestito da bella del bigoncio e civetta qua e là . Da qui alle elezioni non combinerà una sega. Un merito bisogna riconoscerglielo ha silenziato tutte le ranocchiette che gracidavano ogni giorno in tv come Civati, Fassina,Cuperlo ed altri che hanno avuto notorietà girando in tondo per mordersi la coda. Ora Pisapia è corteggiato perchè ha oscurato i già spenti Mpd ,ma la domanda è quanta truppa ha ? Pisapia premier . Tutto in Italia può accadere anche perchè ha competitors nani,salvo il Renzi.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    25 Luglio 2017 - 09:09

    Sai che due palle i tormenti di Pisapia, per dirla alla Giuliano Ferrara. Caro e stimato direttore Cerasa, non sarà mica che pure il Foglio esagera un pochino a dedicare tanto spazio ogni giorno ai tormenti dei protagonisti della galassia Pd ed affini? Figuriamoci come siamo conciati se pure voi ci inducete a credere che il nostro futuro sia drammaticamente legato all'evolversi dei loro tormenti. Ovvero siete proprio sicuri che sia questo il problema?

    Report

    Rispondi

    • mario.patrizio

      26 Luglio 2017 - 12:12

      Però, che goduria.

      Report

      Rispondi

Servizi