Renzi fugge dall'armata Brancaleone. Fa bene ma non basta

Il segretario ha ragione quando rifiuta qualsiasi tipo di trattativa per allearsi con la sinistra sinistra. Ma questo non può essere l'unico o il principale connotato della piattaforma del Pd

Renzi fugge dall'armata Brancaleone. Fa bene ma non basta

La sinistra italiana ha una lunga e a tratti gloriosa storia, ma la funzione che ha esercitato nella vita nazionale è stata, fino alla caduta del muro di Berlino, soprattutto una storia di opposizione. Ci sono state frazioni minoritarie che hanno partecipato a coalizioni di governo, o che hanno fatto parte, come Filippo Turati e poi Giuseppe Saragat e infine con un ruolo più da protagonista Bettino Craxi, di un blocco sociale che sosteneva di fatto una prospettiva moderatamente riformista. La parte maggioritaria della sinistra, prima quella massimalista, poi quella comunista e post-comunista, ha considerato con disprezzo queste scelte mentre accadevano (salvo poi rivalutarle in sede storica qualche decennio dopo).

 

Quando il “nemico” è di destra, sia Alcide De Gasperi o Silvio Berlusconi, la sinistra trova un baricentro e riesce persino in qualche caso a allargare le alleanze, come fece nel 1953 per battere la legge maggioritaria o negli ultimi decenni per contrapporre con successo al centrodestra una coalizione scombiccherata guidata da un tecnocrate come Romano Prodi. Oggi il “nemico” della sinistra sinistra è Matteo Renzi, contro il quale sono rientrate in funzione le antiche idiosincrasie per i “revisionisti”. Basta seguire un po’ il dibattito che si svolge tra le diverse sigle in cui è scomposta quest’area per capire che solo l’antirenzismo è il baricentro verso il quale convergono (quasi) tutti.

 

Matteo Renzi fa benissimo a non accettare una trattativa per realizzare un’alleanza con loro, non solo perché sarebbe assurdo un cartello tra renziani e antirenziani, ma perché sa bene che una sinistra che trova il suo equilibrio solo nella contrapposizione a un “nemico” finisce con l’isterilire le potenzialità riformatrici. Purtroppo questa è solo una condizione necessaria per presentare un profilo e una proposta tendenzialmente maggioritaria e di governo, non è però di per sé sufficiente. Se il rifiuto dell’ammucchiata a sinistra resta l’unico o il principale connotato della piattaforma del Partito democratico, anche questa formazione finisce per apparire come caratterizzata dalla polemica contro il “nemico”, il che la fa ricadere nella tradizione che si vuole, giustamente, superare e criticare. E’ comprensibile che l’armata Brancaleone che segue, spesso senza nemmeno saperlo, il vessillo di Massimo D’Alema, insista nella duplice manovra di rivendicare un’alleanza a sinistra e di escludere da questo orizzonte un ruolo di guida per il leader del Partito di gran lunga più forte di questa ipotetica coalizione. Se Renzi passa la maggior parte del tempo che ha a disposizione sui mezzi di informazione per reagire a questa manovra, senza riuscire se non frammentariamente a superare quell’angusto orizzonte per enunciare obiettivi e programmi per l’Italia finisce ingabbiato. Ha enunciato spesso la volontà di parlare di problemi e non di alleanze, ma non riesce ancora a farlo. E il tempo a disposizione non è più tanto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    24 Luglio 2017 - 08:08

    Per intanto il Pd governa con il partito di tale Alfano, che ci tiene a precisare attraverso l'ex ministro Lupi di non essere alleato del Pd, ma solo di collaborare con esso. Per governare il Paese, s'intende, mica per altro. Nuova sottigliezza lessicale? Pare di no, se il giorno dopo il leader massimo Alfano proclama al Paese: noi siamo e resteremo coraggiosamente al centro, autonomi da tutti. Tanto e' chiaro ormai che dopo le prossime elezioni ne' Renzi ne' Berlusconi avranno la maggioranza per governare, e dunque saremo noi che ancora una volta, con orgoglio e coraggio e'sottinteso, saremo il centro libero e autonomo di gravità permanente, umili servitori degli interessi nazionali. Labilita' dei calcoli numerici a parte, una volta si sarebbe detto: Francia o Spagna purché se magna. Vasto programma politico, ispirato soprattutto al buon senso. Renzi fugge dall'armata Brancaleone, fa bene ma non basta, lei scrive caro Soave. Per intanto governa con l'esercito regolare di Alfano.

    Report

    Rispondi

  • leobrun

    24 Luglio 2017 - 07:07

    L'ha creata lui con i suoi madornali errori: migranti, riforma costituzionale scritta per alunni di scuola media (con tutto il rispetto per i ragazzi) e italicum. La prosopopea e tracotanza non hanno limiti, e noi poveri italioti piangiamo lacrime amare.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    22 Luglio 2017 - 21:09

    Ottime argomentazioni che condivido in pieno. Per quanto mi riguarda, come siciliano, guardo con sempre maggiore apprensione al caos che sta pervadendo sia il PD siciliano che Forza Italia e il centro destra in generale. Se si va alle prossime elezioni regionali in questo stato si regala la vittoria ai pentastellati. Sarebbe una vera iattura per la Sicilia e per i siciliani tal quale ciò che sta capitando a Roma e ai romani. Possibile che si debba ricorrere solo a Crocetta che a dir la verità non ha fatto granchè? Possibile che il maggior partito italiano non trovi un candidato di prestigio da lanciare nell'agone siciliano? Suvvia Renzi, datti da fare. Medesimo incitamento porgo a Berlusconi. Musumeci è un candidato spendibile? Francamente non credo. Ci vogliono giovani in gamba, preparati, dinamici, pronti ad affrontare la sfida per portare quest'isola fuori dal pantano dell'immobilismo.

    Report

    Rispondi

  • fabriziocelliforli

    22 Luglio 2017 - 20:08

    ma poi , A SINISTRA DEL PD, vuole creare, racimolando tutti gli atomi sinistrorsi, UN GRANDE PARTITO SOCOALDEMOCRATICO IN CHIAVE EUROPEA?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi