D'Alema premier? Sì

Adesioni all'appello del Foglio per Max candidato. Penati: “A certe condizioni anche io lo sosterrei”. Romano: “L’ex premier ha deciso che il capotavola di Mdp è dove si siede lui, ora si candidi”

D'Alema premier? Sì

Massimo D'Alema (foto LaPresse)

Roma. Il Conte Max candidato in Parlamento? Ma no, perché limitarsi a un seggio qualunque di Gallipoli. D’Alema deve essere quantomeno candidato premier. Aumentano le adesioni all’appello del Foglio per lanciare la candidatura del cofondatore di Articolo1-Mdp alla guida della sinistra italiana. Arriva anche la firma “pesante” di Filippo Penati, ex presidente della provincia di Milano: “La rottamazione renziana è stata selettiva, a senso unico e verso la componente ex comunista è stata feroce”, dice Penati al Foglio. “Io però...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    20 Luglio 2017 - 09:09

    A Penati farei soltanto presente che non mi pare il popolo sovrano abbia negli ultimi anni riservato vincente e felice sorte ai ".grandi" partiti socialisti cosiddetti riformisti in quasi tutti gli angoli d'Europa. Insomma il Pse, di cui il Pd fa parte, non sembra al momento godere di buona salute politica, e ciò malgrado la sua Fondazione, fucina culturale di elaborazione di grandi progetti politici riformatori, sia stata fino all'altro giorno autorevolmente presieduta dall'on. D'Alema.

    Report

    Rispondi

Servizi