Chi ha paura di Massimo D’Alema candidato premier?

Risposte all’appello del Foglio per la leadership a sinistra. Parlano Latorre, Fassina, Gotor, Civati, Bentivogli

Chi ha paura di Massimo D’Alema candidato premier?

Foto LaPresse

Roma. Il baffo di Massimo D’Alema che si riallunga sulla scena post-rottamazione, a partire dalla campagna per il “no” al referendum costituzionale del dicembre scorso. E ancora: il baffo di D’Alema che, sornione, per così dire sogghigna quando la scissione tanto agognata, ma mai realizzata, infine avviene, materializzandosi in soggetto politico dal nome composto (Articolo1-Mdp). Poi, il baffo di D’Alema che non trema di fronte ai fischi di chi, guardando a Giuliano Pisapia, pensava di poter federare la sinistra ma non nel nome di D’Alema, per l’appunto. E invece Pisapia ha detto no. Non si candida. C’è ma non c’è. E dunque a sinistra si cerca un leader, con buona pace del giovane Roberto Speranza, leader di nome ma forse non di fatto. E siccome D’Alema tanto ha brigato che alla fine ha ottenuto (la scissione e la tentata riaggregazione anti-renziana), qualcuno si è domandato: ma che vuole fare, D’Alema? Questo giornale, nel suo piccolo, ieri ha lanciato l’appello-sfida per “D’Alema candidato premier” (sottotitolo: “Chi sostiene la necessità di creare una nuova sinistra ha il coraggio di arrivare fino in fondo e di essere coerente con se stesso?”). Ma che cosa ne pensano, nel Pd, gli uomini che a D’Alema sono stati politicamente vicini e quelli che ora, a sinistra del Pd, si trovano D’Alema come ingombrante deus ex machina? Tra i primi, il senatore pd Nicola Latorre pensa che sarebbe “del tutto naturale” un D’Alema che si mette direttamente “in gioco” per guidare la sinistra a sinistra del Pd.

 

“Com’è noto”, dice Latorre, “in virtù di un lungo rapporto politico e personale che mi ha legato a D’Alema, non mi sono mai aggiunto al coro di quanti hanno espresso giudizi personali su una personalità che con Walter Veltroni ha segnato in modo determinante la vicenda della sinistra italiana a partire dalla metà degli anni Novanta. Non ho condiviso la sua scelta politica di contrastare Matteo Renzi dopo il deludente risultato elettorale delle scorse politiche e men che meno ho condiviso la recente scissione con il fragilissimo ragionamento politico che l’ha sostenuta . Ciò non toglie che quella di D’Alema è stata una leadership decisiva nella costruzione di una sinistra di governo. E a sinistra del Pd resta ancora oggi la figura politicamente più significativa. Sarebbe del tutto naturale che si mettesse  in gioco per guidarla”.

 

Ma l’idea del baffo di D’Alema che si allunga in prima linea mentre fervono i preparativi per la creazione di una nuova Cosa Rossa incontra molta resistenza (e c’è chi, nel Pd, dice un osservatore vicino al mondo ex dalemiano, pensa che “altri muoverebbero alla volta di Mdp, non ci fossero D’Alema e Bersani come numi tutelari”). Dice intanto il senatore scissionista (Mdp) Miguel Gotor: “Salvo improbabili sorprese, alle prossime elezioni non ci saranno candidati premier né dal punto di vista politico né tecnico. Una stagione, iniziata nel 1993, si è conclusa il 4 dicembre, ma perché cambi la mentalità ci vorrà un po’ di tempo”. E, tra i transfughi pd, il deputato e pilastro di Sinistra italiana Stefano Fassina, già viceministro dell’Economia nel governo Letta, boccia senza pietà l’ipotesi “D’Alema premier”: “A parte che del candidato premier con la legge elettorale proporzionale non c’è bisogno, il leader della sinistra non lo sceglie né Repubblica, né, con tutto il rispetto, il Foglio, né lo nomina alcun autorevole leader politico. La mia proposta è: primarie per programma e leader,  unica fonte di legittimazione possibile”.

 

Anche il deputato ex pd e leader di “Possibile” Pippo Civati vede l’ombra di D’Alema come possibile aggravante al già presente problema “generazionale”, un “tema che si impone, anche senza metterla come l’aveva messa Renzi, il quale peraltro appare politicamente un po’ invecchiato. Bisogna trovare la giusta collocazione ad alcune figure, a mio avviso, in modo che l’operazione non venga percepita come mera operazione di ristabilimento di chi c’era prima”. E pare che il nome di D’Alema evochi a sinistra, dice Civati, “le responsabilità” della classe dirigente che ha portato ai fallimenti della sinistra medesima.

 

Poi c’è chi, come il sindacalista Marco Bentivogli, segretario Fim Cisl, pensa che D’Alema “debba assolutamente” scendere in campo in prima persona: “Mi verrebbe una battuta, sulla scia di quello che ha detto D’Alema ai pugliesi: ‘D’Alema candidato premier? Si potrebbe sacrificare solo se glielo chiedesse a gran voce il paese’. Fuor di battuta: una volta gli over 60 aiutavano a limare le asperità, ma ora la situazione pare capovolta. E D’Alema, figura divisiva, faccia onore alla sua storia, si faccia avanti. Pare si stia ‘candidando-non candidando’ per negazione a Renzi, da un lato, e che dall’altro consideri replicanti le giovani generazioni. Entrambe le cose meriterebbero un impegno diretto”.


   

Quando un leader genera speranza e aspettativa, sostiene D’Alema, ha il dovere di confrontarsi con il voto popolare. Noi siamo con lui. Per questo vogliamo un D’Alema candidato premier. Per questo vi invitiamo tutti a scrivere qui: dalemapremier@ilfoglio.it.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • PAOLO FRANCESCO PERRI

    28 Luglio 2017 - 19:07

    Quando D'Alema era premier nell'anno 2000 si ebbe la più clamorosa perdita di consensi a sinistra. Con le elzioni Regionali mai così tante regioni sono passate alla destra. Consiglio cercare su Wikipedia elezioni regionali 2000 e fare benne attenzione alle due cartine dell'Italia politica prima e dopo il test elettorale

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    18 Luglio 2017 - 12:12

    D'Alema oltre a battute da avanspettacolo o cabaret non pare proponga un programma politico di grande profondità respiro ,quindi restando su ka battuta si propone come comico epperò fa bene poichè così è l'unico che combatte Grillo con le sue stesse armi e sopratutto dimostra di essere estremamente vivo e pimpante a fronte della fila grigia di anime morte da Fassina a Latorre,da Bersani a Civati o zombi da Speranza a Orlando .Effettivamente a fronte dei destri che pare dormicchiano accucciati ai piè del Cav ,gli unici ancora non entrati in coma sono i renziani dei quali ha ben parlato Ferrara. vero in Italia non ci sono politici che non siano deboli e fragili a parte il prof Cassesse che sarebbe il nuovo De Gasperi. S' l'unico che ha le corde e la statura per battere Grillo è Baffino .Come non immaginarlo con piazza del Popolo straboccante far morire dalle risate decine e decine di migliaia di comunisti adoranti.

    Report

    Rispondi

Servizi