Perché è sbagliata la proposta di legge del Pd contro l'apologia del fascismo

E' già stata la Corte Costituzionale nel 1957 a definire il perimetro entro il quale considerare un reato l'apologia del fascismo

Perché è sbagliata la proposta di legge del Pd contro l'apologia del fascismo

Foto LaPresse

Al direttore - Cosa ne pensa il Foglio della legge presentata dal Pd che introduce il reato di propaganda del regime fascista e nazifascista?

Luca Marconi

  

Pensiamo sia una legge sbagliata. Sia per le ragioni che trova sintetizzate qui. Sia perché su questo punto con molta saggezza è già stata la Corte Costituzionale nel 1957 a definire il perimetro entro il quale considerare un reato l'apologia del fascismo. “L’apologia del fascismo, per assumere carattere di reato, deve consistere non in una semplice difesa elogiativa, ma in una esaltazione tale da potere condurre alla riorganizzazione del partito fascista cioè in una istigazione indiretta a commettere un fatto rivolto alla detta riorganizzazione e a tal fine idoneo ed efficiente. Dunque, soltanto il collegamento con il tentativo di riorganizzare l’abolito partito fascista si può realizzare il reato di “apologia del fascismo”. Un commento o un’opinione o una sciocchezza restano una stupidaggine. E tra una stupidaggine e un reato ancora qualche differenza c’è, non trova?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi