Sull'immigrazione serve una coalizione del buonsenso tra il Cav. e Renzi

L'unica soluzione per gestire il fenomeno degli sbarchi senza demagogia è smetterla di dire che l’Italia può accogliere tutti. Senza però inseguire Salvini e Di Maio

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

Sull'immigrazione serve una coalizione del buonsenso tra il Cav. e Renzi

La nave Phoenix conduce al porto di Catania centinaia di migranti (foto LaPresse)

Al direttore - Ognuno è come è e quest’uomo politico ci porterà alla rovina. Non dice nulla se non chiacchiere, se non luoghi comuni che ripete da tre anni, con la variante che prima si sentiva il salvatore dei naufraghi e Salvini e affini i tiranni del mare. Oggi invece scopre i migranti perché sa che se non ne parla la sconfitta elettorale sarà sicura e Rignano il suo eremo in eterno. Renzi: ci dica che farà da subito, ora, adesso. Non ne possiamo più di immissione di migranti che non hanno nessuna possibilità di inserimento. Se non dimostrerà attributi in questa partita se ne vada perché è la dimostrazione dell’inefficienza e dello sfascio. Renzi: lei deve bloccare questo disordine e l’Europa con la sua posizione di rifiuto le dà il diritto di farlo. Questa è un’invasione subsahariana, non chiacchiere per libri e deficienti pietosi da salotto. Se non lo capisce ora, lo capirà a breve. Le elezioni sono vicine e i migranti sono il punto uno all’ordine del giorno.

Carlo Trinchi


Le elezioni si giocheranno sull’immigrazione e su questi temi sia Renzi sia Berlusconi dovranno decidere se essere ostaggi della sinistra che sa predicare solo accoglienza senza occuparsi dei confini o della destra sciocca che descrive l’Italia come se fosse il Libano invaso di profughi oppure se impegnarsi insieme per governare l’immigrazione senza demagogia. Su questi temi Renzi ieri, come racconta oggi David Allegranti, qualcosa ha detto, e lo ha scritto nel suo libro, del quale lunedì il Foglio anticiperà un capitolo. Anche Berlusconi sta mostrando di non avere alcuna intenzione di inseguire la Lega su questi temi. La linea giusta è smetterla di dire che l’Italia può accogliere tutti, impegnarsi per evitare che l’Italia diventi la nuova Libia e portare il nostro impegno e le nostre forze al confine con la Libia. Su questo può nascere una coalizione del buonsenso, anche in questa legislatura. Aspettare ancora significherebbe regalare una superstrada a Di Maio e Salvini. Sicuri che abbia senso?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    09 Luglio 2017 - 15:03

    "La linea giusta è smetterla di dire che l'Italia può accogliere tutti. Bene. "La linea giusta è impegnarsi per evitare che l'Italia diventi la nuova libia. Bene. "La linea giusta è portare il nostro impegno e le nostre forze al confine con la Libia. Tradotto? Questo è il punto. La libia dicono sia ingovernabile però fa passare sub sahariani senza limiti. A chi rispondono questi predoni libici? Quale ne è la logica? Si deve smettere di dire che emigrano per fame, carestie e guerre. Li è sempre stato così e se li lasciano uscire hanno un piano destabilizzante. L'Europa ci ha declassato ad un Buzzi governativo: eccovi una manciata di euro e sono casi vostri. Se le cose stanno così e lo sono allora tutti liberi di agire. Loro chiudere i confini e noi i nostri. Via le ong e non andarli a prendere in Libia sul bagnasciuga. Cinismo? No direttore è vedere le cose per quelle che sono e difendere le esigenze del popolo che si dice di rappresentare. In Italia ne vagano già un milione. Quindi?

    Report

    Rispondi

  • fguidotti

    09 Luglio 2017 - 10:10

    A leggere il Foglio qualunque soluzione a qualunque problema è un'alleanza fra Renzi e Berlusconi. Poco importa se i due fattori dell' equazione sono solo due modesti opportunisti bulimici di potete senza idee, senza un progetto senza un programma. I populisti di destra e di sinistra non fanno altro che occupare il deserto delle idee e delle iniziative ampliato ogni giorno da questi figuri con i loro servi sciocchi.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      10 Luglio 2017 - 14:02

      Caro Guidotti, l'alleanza Renzi-Berlusconi è l'unica soluzione all'unico problema che conta: salvare il posteriore al rignanese e farlo stare a galla un altro po', finchè il Cav. non sarà definitivamente fuori gioco (non è highlander...) e allora FI salterà per aria e sui due forni, ma anche Salvini ha un altro forno ora e la Meloni passerà il 5 per cento grazie alle . Tornando alle cose serie, il silenzio sulle dichiarazioni di Emma Bonino è assordante, n'est pas ?

      Report

      Rispondi

  • lorenzolodigiani

    09 Luglio 2017 - 03:03

    Caro Cerasa, l'atteggiamento dell'Europa sulla questione migranti mi ha deluso profondamente. Prima di abbandonarci al vittimismo, dobbiamo chiederci, pero' ,se a monte di questo Italia contro tutti non vi sia un vizio di origine. In questo modo a Salvini e Di Maio si sta regalando anche un'autostrada. Le posizioni di Gentiloni e Renzi sembrano concordanti, quanto a Berlusconi speriamo trovi il tempo per appellarsi al suo buon senso in una pausa dello scouting rivolto a Marchionne e Draghi.

    Report

    Rispondi

  • enzo.cn

    08 Luglio 2017 - 13:01

    Renzi non si lasci intimidire da pregiudiziali ideologiche che vorrebbero un politico impastoiato a schemi e punti di vista irrealistici e rovinosi per il Paese. Un partito democratico deve avere l'elasticità e l'apertura mentale necessarie a risolvere i problemi reali e a non mollare il timone se e quando la situazione, e il buon senso, richiede un cambio di rotta. Niente di male nell'adottare misure tradizionalmente (o strumentalmente) ritenute "di destra": nessuno ha il monopolio per ciò che è giusto e necessario fare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi