La legge sulla tortura, una scelta civile

Uno stato è forte se si fa rispettare ma senza mai travalicare i limiti del rispetto per la persona umana. La norma è perfettibile, ma democratica. E se scontenta gli estremi opposti è un buon segno

La legge sulla tortura, una scelta civile

Foto LaPresse

La legge che introduce il reato di tortura è stata approvata definitivamente, seppure con una maggioranza striminzita e un coro stereofonico di critiche da destra e da sinistra. Eppure, con tutti i suoi limiti, è una buona legge.

 

La tortura è inammissibile sempre, lo possiamo dire avendo criticato con decisione da queste colonne i maltrattamenti e le violenze della scuola Diaz e della caserma di Bolzaneto, nonostante allora fossimo schierati a sostegno del governo di Silvio Berlusconi. Uno stato è forte se si fa rispettare, se agisce anche con forza quando è necessario, ma senza mai travalicare i limiti del rispetto per la persona umana. Questo vincolo non riguarda solo lo Stato: anche cittadini o organizzazioni private che usino la tortura per ottenere informazioni o per altri scopi debbono essere perseguiti, non solo per la violenza privata, ma per il reato specifico di tortura. Per questo le obiezioni sollevate da chi avrebbe preferito delimitare il reato solo alla azione violenta e indebita degli addetti alla pubblica sicurezza è scarsamente convincente. Ci sono, per esempio, corpi di vigilanza privata o settori della criminalità organizzata (che sono cose assolutamente diverse ovviamente) che possono avere interesse a procurarsi con ogni mezzo informazioni o a intimidire persone di cui detengono il controllo. Torturare un giocatore o un creditore che non paga, per esempio, è un comportamento che va perseguito con la massima durezza ed efficacia.

 

Le critiche avanzate dall’altro versante, quello che considera la norma un’offesa alla dignità delle forze dell’ordine, sono altrettanto capziose. L’ordine da difendere è l’ordine democratico, basato sulla dignità della persona. Si capisce che in certe circostanze siano necessarie modalità di interrogatorio particolarmente penetranti, gli agenti di polizia e i carabinieri sono addestrati a esercitare anche questa delicata funzione senza superare il limite oltre il quale si arriva alla persecuzione e alla tortura. Sanno bene quali sono i loro poteri e i loro doveri, e per questo meritano la stima della popolazione. Comportamenti che non corrispondano al codice di comportamento proprio di queste istituzioni è non solo una violazione ma un tradimento della divisa, che non viene infangata dalla repressione della tortura ma lo sarebbe se questa venisse indebitamente esercitata.

 

Naturalmente tutte le leggi sono perfettibili e l’esperienza concreta potrà suggerire in futuro qualche perfezionamento, soprattutto qualche precisazione di termini che permettono interpretazioni contraddittorie, ma questo è un difetto abbastanza generalizzato, purtroppo, della legislazione italiana. In fondo anche il carattere delle critiche, ampie ma contraddittorie, fa pensare che queste si elidono a vicenda, il che spinge a considerare equilibrato il testo che alla fine è stato approvato. Il fatto stesso che non soddisfi chi puntava a proiettare nell’ordinamento la scia di campagne mediatiche e di generica denuncia (la polizia con le “mani legate” e dall’altro lato lo stato sempre “repressivo”) è, in fondo, una buona notizia.   

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mauro

    07 Luglio 2017 - 12:12

    La redazione c'informa: Finalmente abbiamo abolito, a xximo secolo inoltrato, la tortura in Italia, e con una buona legge. Era ora. E a Bolzaneto, magistratura progressista dixit, con in appoggio furor di popolo progressista (gente consapevole dei propri diritti, sopratutto quello allo sfascio ) dei biechi aguzzini in uniforme avevano torturato delle innocenti creature, umiliando, udite udite, la loro innocente personalità; umiliazioni che avebbero lasciato tracce indelebili nel loro animo delicato. L'unica volta che ho partecipato a una manifestazione di piazza (pensate, per Trento e Trieste!) la mia personalità fu presa a calci nel sedere dalla "celere", ma se lì per lì non apprezzò, se ne fece una ragione senza problemi esistenziali e senza "marciarci su". Tempi incivili quelli, oggi la civiltà c'è, la stessa dello ius soli, e promette di migiiorarsi ancora. Ma, mi chiedo, come mai è stato possibile condannare i torturatori senza l'indispensabile buona legge ?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    06 Luglio 2017 - 14:02

    E' un articolo convenzionale pol.corr. che dimentical'art, 54 cod. pen. ita. che tutti i paesi civili hanno nei loro ordinamenti. Di più l'organizzazione mediatica sinistra nel mondo è una potenza che supera la Spectre . Da qualche secolo con il passa parola ( oggi con i cellulari) poteva scatenare le piazze in tutto l'occidente ( es. Sacco e Vanzetti ) e in Italia dalla nascita della repubblica è stata sempre fortissima ( giorni fa Cofrancesco ricordava il 1960 da Genova incendiò l'Italia ) con spallate varie ai governi ( e la chiamano liberal-democrazia) dal 1953 ( legge non truffa ) al G8 di Genova ove la imbecillità di qualche poliziotto ( caso Diaz ) la potenza mediatica sinistra cancellò il tentativo di colpo di stato. Il reato di tortura è sacrosanto per le persone normali ,per i sinistri è una arma perfetta (Luigi Manconi&C. ) per colpire attraverso il peccato di un cittadino in divisa il governo e in sostanza lo stato. Il 1848 è un marchio indelebile. Il manifest

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    06 Luglio 2017 - 12:12

    Quindi diminuirà del 90% il ricorso alla carcerazione preventiva?

    Report

    Rispondi

Servizi