L’emergenza immigrazione in due mosse

Trasformare i confini della Libia nei nostri confini, e non viceversa. Mare Nostrum e Eunavfor, due belle incompiute. Bisogna intervenire, anche con la forza (e il sì dell’Onu)

L’emergenza immigrazione in due mosse
Nel dibattito un tantinello ipocrita sull’emergenza migranti ci sono alcune verità importanti che spesso tendono a sfuggire dal radar di molti osservatori e che per questo meritano di essere messe in fila senza eccessivi carichi ideologici. La prima verità riguarda una gigantesca fake news che ci impedisce di mettere a fuoco i veri termini dell’emergenza relativa alla gestione delle politiche di immigrazione. Leggere il dossier migranti limitandosi a osservare i numeri degli arrivi è un ragionamento pigro che non ci...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fguidotti

    06 Luglio 2017 - 12:12

    Gran bella teoria e tale destinata a rimanere. È se iniziassimo con un semplice esercizio pratico come quello di chiudere i porti? Nessuno dei nostri cosiddetti partner europei ha alcun interesse a cambiare l’attuale status quo che scarica completamente sull’Italia tutto il peso sociale ed economico di una situazione creata dalle loro scelte ipocrite e scellerate, come la destabilizzazione della Libia.

    Report

    Rispondi

  • gianni.rapetti

    06 Luglio 2017 - 11:11

    Introdurre uno o piu' criteri per scegliere a chi garantire un visto: gli scolarizzati, soglia di eta', o altro. Ah no, questo va contro il dogma dell'uguaglianza. Ogni paese dell'UE "adotta" uno o piu' stati africani e crea una sorta di gemellaggio con corsia preferenziale per i visti e progetti di sviluppo in loco. Ah no, questo sarebbe neocolonialismo. Paralizzati dal ciarpame polcorr-marxist-liberal-illuministico, assistiamo impotenti all piu' grande ondata migratoria dalla fine dell'Impero Romano.

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    06 Luglio 2017 - 10:10

    Domanda esiziale, dopo gli ultimi anni di immigrazione, dalla fine di "Mare nostrum" all'inizio di "Triton" a oggi, chi ha deciso che Libia-Italia fosse il canale dell'immigrazione? Emma Bonino, nella sua dichiarazione alla conferenza di Confartigianato a Brescia ha detto che con il governo Renzi " Il fatto che nel 2014 e nel 2016 abbiamo chiesto all'EU che il coordinamento fosse a Roma con la Guardia costiera e che gli sbarchi avvenissero tutti da noi" e addirittura che " l'accordo l'abbiamo fatto noi trasgredendo, anche, gli accordi di Dublino".Quindi 1) è un FAKE lo speech di Emma Bonino? Se si il discorso è chiuso; 2) se it's truth that Emma Bonino said beh allora ci state prendendo per i fondelli; Se 2 fosse la verità me lo spiega che ci andiamo a fare in Libia?: la guerra? a chi? Non basta che dopo aver alzato un flebile do di petto del Maggiordomo e non citato l'immigrazione dal suo predecessore, ci siamo ridotti a chiedere, con Minniti, l'elemosina all'Europa?

    Report

    Rispondi

  • mauro

    06 Luglio 2017 - 08:08

    Tutte considerazioni ragionevoli. Ma ci sono due scogli da superare: l'Onu, che ha modo tutto suo di ragionare, e il sindaco di Milano Sala.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi