Da riccio a volpe. Un gran libro di Cassano spiega la follia della sinistra Peter Pan

Basta parlare di fake news. Di candidati premier. Di premi di coalizione. C’è un saggio fenomenale del sociologo Franco Cassano che Matteo Renzi dovrebbe leggere con urgenza e far volantinare in tutta Italia. Manifesto per una sinistra anti nostalgia

Da riccio a volpe. Un gran libro di Cassano spiega la follia della sinistra Peter Pan

Foto LaPresse

Alla fine di questo weekend confuso e litigioso in cui, a sinistra, piazze in conflitto tra loro si sono divertite ad alimentare polemiche, veleni, ripicche, dispetti, rivalse, mettendo in campo argomenti spesso inutili e inconsistenti come “il futuro candidato premier”, “la necessaria modifica della riforma elettorale” e “il destino delle coalizioni”, per tornare a respirare, e per provare a occuparci di cose concrete e non di stupidaggini legate al premio di coalizione, occorrerebbe fermarsi un attimo, andare un istante nella...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    04 Luglio 2017 - 09:09

    Mi scusi, direttore, ma che cosa dovrebbe fare ( e continua a non fare) la sinistra e' questione che riguarda coloro che di sinistra dicono di essere, o vogliono essere, o sperano di essere. A chi semplicemente guarda i fatti, ovvero al precedente e attuale governo di sinistra Pd ( definirlo di centro sinistra e' improprio perché significherebbe dar valenza politica ad Alfano&C) non resta che prender atto di una fila di fallimenti che purtroppo si allunga. E se al momento all'orizzonte non si profilano alternative migliori non può che crescere la preoccupazione.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    03 Luglio 2017 - 13:01

    Al direttore – Intrigante, immaginifico, Frano Cassano. Hanno aperto “Insieme” la Casa comune del logoro, ammaccato usato sicuro. Il cartello canta: “Saldi favolosi: sconti del 90%”. Sic transit gloria mundi. Però, sostiene l’onestà del pensiero: cos'altro potrebbero fare? Sono “de sinistra”. Basta la parola. Non è battuta ironica. Di quella parola, nata per l’impresa impossibile di cambiare le pulsioni native della natura umana, cosa rimane? Un gruppetto di ego rigonfi di sé. Alla sinistra di Renzi non hanno un progetto, una strategia, un’unità d’intenti, una proposta politica convincente, credibile. La nostalgia è immobilismo. La nostalgia è tentativo prosaico, opportunistico, di difesa di status personali. Il derelitto Andrea Orlando, non trova niente di meglio, nella sua vacuità intellettuale, che rispolverare l’anti berlusconismo. Paradigmatico dell’obsolescenza della nostalgia. La parola "sinistra" merita rispetto, quelli di Insieme, cristiana pietas.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    03 Luglio 2017 - 10:10

    Caro Cerasa, anche i temi edificanti trattati da Cassano, che lei ci ha riportato, portano al bivio fondamentale del nostro tempo: apertura o chiusura. Si può indicarlo ricorrendo a terminologie piu'fantasiose, ricorrendo alla zoologia, evocando il riccio e la volpe. La distinzione resta tra chi, per paura od opportunismo non accetta il presente ed il futuro prossimo e gli altri che speriamo piu' numerosi.

    Report

    Rispondi

Servizi