Risate di insufficienza

Virginia Raggi, l'incontro con Antonello Venditti e quella risata senza allegria che sembra tanto un gesto meccanico per coprire il vuoto, il silenzio e il nulla 

Loading the player...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    30 Giugno 2017 - 20:08

    Per Raggi è sempre giovedì .Come si dice a Roma ' ridi ridi è giovedì e mamma ha fatto i gnocchi'.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    30 Giugno 2017 - 09:09

    A proposito delle vicende giudiziarie che hanno investito il sindaco Raggi, e premesso che se fossi romano non avrei votato per lei né mai voterò per il movimento 5 stelle, mi permetto di fare qualche osservazione attingendo a mie remote esperienze personali. Ebbi la ventura di essere assessore nella giunta di sinistra della mia città, e ricordo che prima di decidere promozioni o sposamenti di funzionari comunali ho sempre ascoltato il parere di altri funzionari e dirigenti, e talvolta pure di amici e compagni di partito che ritenevo potessero esser d'aiuto a compiere la scelta migliore. Dopo le consultazioni, ovviamente personali e riservate, ho sempre deciso in piena autonomia, affidando al segretario comunale di dar veste giuridica corretta al,provvedimento. Non ho memoria d'esser mai stato interrogato dal pretore o da un giudice istruttore sulla genesi e l'iter dei provvedimenti, comunque vagliati sotto il profilo di legalità dal Comitato provincialendi controllo sugli Enti locali.

    Report

    Rispondi

Servizi