Unire le sinistre, ovvero la morte del Pd

Scommettere sull’unione coatta significa uccidere il progetto del Pd

Giuliano Ferrara

Email:

ferrara@ilfoglio.it

Unire le sinistre, ovvero la morte del Pd

Dario Franceschini (LaPresse)

Che il Pd sia “nato per unire”, come dice il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, a me pare falso. Certo, un partito non nasce per dividere, per esacerbare i rapporti con potenziali alleati, per creare dissonanze impossibili nel corpo sociale e civile. Ovvio, nessuna organizzazione politica inscrive la confusione e il bellum omnium contra omnes nel suo progetto identitario. Ma il Pd è nato per un progetto di autonomia che ha quasi subito preso il segno della “vocazione maggioritaria”...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    29 Giugno 2017 - 15:03

    Complimenti a chi ha scelto la foto che parla da sé (della morte della sinistra post comunista).

    Report

    Rispondi

  • Lou Canova

    29 Giugno 2017 - 11:11

    Perfettamente d'accordo: aggiungo che unirsi è bellissimo, e io sono sempre a favore, però alla fine qualche decisione si dovrà pur prenderla (più jobs act, ad esempio o meno?) e non mi sembra molto democratico che il 75% debba per forza piegarsi ai diktat del 25% in nome dell'unità...Peraltro direi che, pur non considerando la lotta politica un ballo di gala, qualche riserva su modalità e tattiche messe in campo dal fronte della sinistra antirenziana per estromettere il royal boh, pare giustificata...

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    29 Giugno 2017 - 11:11

    In un talkshow hanno mostrato in una lunga striscia i volti degli anti Renzi più importanti. Ebbene nonostate fossero tutti del Pd -alcuni anche fondatori- ho avuto la forte sensazione che non fossero del Pd ma dei Ds , anzi alcuni del Pds e infino del Pci come Emiliano. Di qui la incompatibilità con il segretario che sin dal primo giorno ha dichiarato di non appartenere all'album di famiglia manco per sbaglio. La truppa segue Matteo ma i V( P) ipponi irrimediabilmente nostalgici non ci vogliono stare . Specie tipetti come Cuperlo che da subito con la sua bonomia ha iniettato veleno al pari del bamboccio Civati. Bersani è un caso clinico.Insomma il Pd è spaccato ci sono quelli che senza congressi famosi hanno fatto il passo Bad Goteborg ( ora fedeli a Renzi dichiaratamente anti comunista) e quelli che sono rimasti al 1920 prima della scissione.

    Report

    Rispondi

    • Marco Micciche

      Marco Micciche

      29 Giugno 2017 - 18:06

      Scusi Luigi, ma il problema lo ha posto Franceschini che non viene dal PCI e mai è stato comunista. Le segnalo che emiliano non viene neppure dalla quella storia politica (le allego una sua dichiarazione da governatore della puglia, http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2009/06/28/emiliano-nessuno-piu-comunista-nemmeno-il-governatore.html) . Non le sembra grottesco scomodare sulla questione Renzi, ancora la vecchia storia dei comunisti, post o ex. Il problema è altro, il primo tra tutti: Renzi ha già preso due batoste elettorali, chi perde viene messo in discussione. Meno che nei partiti padronali e populisti. Infine, senza voler essere essere pedante, ma cosa la Bad Göteborg? È un refuso, immagino

      Report

      Rispondi

      • cragnolinux

        30 Giugno 2017 - 22:10

        Giorgio Amendola aveva da tempo posto il problema dell'adesione del PCI ad una linea propriamente socialdemocratica, quella nata a Bad Godesberg. Ma fu sempre in minoranza, anche quando criticò con durezza la sconfitta sindacale alla FIAT nel 1980. La sinistra che attacca Renzi è formata dai lontani discendenti del Berlinguer che tenne davanti ai cancelli della FIAT un comizio di appoggio allo sciopero, che si concluse con una sconfitta che segnò i rapporti di forza nei decenni successivi, fino ad oggi. Quella sconfitta non è stata ancora compresa.

        Report

        Rispondi

  • carlo.trinchi

    29 Giugno 2017 - 11:11

    Renzi si deve liberare di questi cavalli asmatici. Lo logorano più di Grillo e Salvini con annessa Meloni. Se non riesce a defenestrarli o contenerli li mandi avanti da soli e non si presti a bersaglio per le prossime politiche. Bene, finalmente Gentiloni sull'invasione scientifica dei migranti. Basta a navi e battelli e zattere. Se ne sarà capace ha vinto le prossime politiche. Renzi non abbia fretta ed un ozio forzato a Rignano lo farà tornare alla grande.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi