Contro il partito dello scalpo: archiviare la sinistra Peter Pan

Matteo Renzi dovrebbe avere il coraggio di portare avanti fino in fondo il suo modello:il Pd come alternativa alla sinistra del passato

Contro il partito dello scalpo: archiviare la sinistra Peter Pan

Al direttore - O il Pd percorre speditamente nuove vie o coltiva il vecchio centrosinistra. Tertium non datur. Il limbo non paga. Prendere schiaffi da tutte le parti, anche basta. Inutile sottolineare che io sono per metterci in marcia verso sfide non convenzionali, spediti e decisi, senza perdere un istante. Altrimenti, ci saremmo potuti tenere Bersani segretario. E con lui tutti quelli che vogliono spiegarci la politica di oggi, e lo stato di salute del Pd con la geometria. Da un po’ di tempo i geometrici con i righelli sono diventati più degli allenatori in panchina. Si tratta di numerosi esponenti politici che, rifacendosi alla scienza matematica, mettono al centro la “P”, che non è purtroppo la Politica – i geometrici se ne guarderebbero bene a misurarla – bensì il Perimetro. Calcolare il perimetro della coalizione vincente per il Pd, utilizzando formule più o meno discutibili, sembra essere diventato lo sport del lunedì. A dire il vero, lo stesso problema sta appassionando anche l’altro lato del campo e non solo il variegato campo, small, large, medium o extra-large size, del centrosinistra. Campo, mi pare la parola giusta visto che il perimetro, in oculistica, è utilizzato per determinare l’ampiezza del campo visivo. Perché oltre all’errore di leggere la politica con la geometria ce n’è un altro ancora più grave: questa categoria di politici geometrici, o poligeometrici, che si esercita a misurare i perimetri, ha qualche problema alla vista e spera di risolverlo pensando di poter guardare al futuro con le vecchie lenti del passato. Guardano all’oggi con gli occhiali di ieri. E infatti vedono ancora Ulivi, Unioni, Case della libertà e reperti archeologici di dubbia utilità. Troppo presi dai “calcoli”, dimenticano i “contenuti”. Non si accorgono che il mondo è cambiato, che la complessità va affrontata con nuovi occhi. Ieri ho partecipato alla proclamazione dei nuovi dottori di ricerca dell’ateneo palermitano. Tante ragazze e ragazzi con un bagaglio di sogni da realizzare. A fotografarli i genitori, i nonni. Felici ma preoccupati per il loro futuro. Quel bagaglio di sogni, temono, diventi il bagaglio che figli e nipoti prepareranno per andare via. Perché la generazione dell’altro ieri sapeva che i loro nipoti avrebbero vissuto meglio di loro. Oggi questa certezza le mamme e i papà l’hanno persa. Come non dargli ragione, ho pensato, quando, strano scherzo del destino, qualche ora dopo, passando davanti a una scuola superiore, in un foglietto di carta appiccicato al cancello c’era scritto “Dottore di ricerca impartisce lezioni di matematica”. Di questo oggi dobbiamo discutere, ma credo che se prevarranno i geometrici con i righelli, non per il Partito democratico ma per l’Italia, sarà un problema. Non ritengo sia un bene per il nostro paese guardare al futuro con le lenti deformate del passato. Se c’è una cosa che gli italiani hanno premiato in questi ultimi anni, anche elettoralmente, ed è da qui che abbiamo il dovere di ripartire per ritornare al futuro, è stato il coraggio di Matteo Renzi di andare oltre i perimetri stabiliti dai teorici dell’ideologia applicata alla geometria, oltre i colori politici. Un coraggio che ha portato il Pd alle europee a numeri mai visti primi, e prima dei numeri a milioni di facce e storie che si sono messe in marcia insieme perché hanno capito che la strada indicata a partire dalle “Leopolde” era quella giusta. Era quella che guardava ai loro sogni e ai bisogni e non al calcolo, alla geometria. Siamo andati oltre i perimetri, perché il nostro perimetro è stato ed è il futuro dell’Italia. Dobbiamo riprendere decisi quella strada. Abbiamo sfidato conservatorismi, recinti ideologici, miopie e abbiamo dato al Pd una missione concreta, perché di concretezza i cittadini hanno bisogno. Di una politica che smetta di parlare per iniziare a fare. Perché questo è l’unico modo per cambiare. Oggi più che mai c’è bisogno che tutto ciò ritrovi nuova linfa, c’è bisogno di un nuovo riformismo che può farsi strada solo con una rottura dei perimetri ideologici e una apertura alla società. E questo processo, inedito, nuovo, che non deve spaventare, lo può innescare solo il Pd di Matteo Renzi. Ci vuole un Manifesto per un nuovo progetto riformista che metta insieme le forze dell’innovazione su idee concrete e valori condivisi, che disegni il futuro dell’Italia. È il momento di osare e il coraggio non ci manca. Quel coraggio di metterci la faccia anche quando la matematica ti dà torto. È successo a noi, in queste settimane, a Trapani, al fianco di tante donne e uomini del Pd che hanno lottato affinché la città non venisse avvolta dal buio, affinché il futuro non si fermasse. L’abbiamo fatto contro il cinismo dei numeri, dei calcoli politici, della matematica che non tiene conto delle persone. Questa è la “P” che mi piace, la Politica, non il Perimetro, il civismo e non il cinismo. Il nostro perimetro è il nostro paese, le nostre città. Il nostro partito è l’Italia. Prendiamo carta e penna, non dimentichiamo la gomma per cancellare le forme geometriche che qualcuno vorrà disegnare e cominciamo a scrivere questo Manifesto.

Davide Faraone, sottosegretario alla Salute del governo Gentiloni

 

Capisco il senso della lettera, e alcuni passaggi li condivido, ma qui la questione va sintetizzata in modo forse più brutale. C’è un assedio contro Matteo Renzi. Un assedio forte, violento, coordinato che punta a ridimensionare in modo definitivo il segretario del Pd. L’assedio viene portato avanti attraverso l’utilizzo di una parola chiave che è “unità” o in alternativa “centrosinistra unito” o in alternativa ancora “coalizione”. Quando si dice “unità”, in questo caso, si dice una cosa chiara. Si dice che il leader del Partito democratico non può essere più la persona sulla quale scommetterà il centrosinistra nel futuro, a prescindere che sia stato eletto pochi mesi fa alla guida del Pd (ieri mattina a Radio Anche Io uno dei pezzi grossi di Repubblica, Claudio Tito, ha detto esplicitamente che oggi come oggi Matteo Renzi “non è adatto a fare il candidato premier”). Da una parte c’è questo modello, quello del nuovo Ulivo, che come ci ha ricordato lunedì scorso Francesco Cundari somiglia tanto a una nuova Unione. Dall’altra c’è un modello alternativo, opposto a quello proposto dal partito dello scalpo, ed è l’unico modello che Renzi dovrebbe avere il coraggio di portare avanti fino in fondo: posizionare e struttare il Pd come alternativa alla sinistra del passato e aprire il partito non alle vecchie algebre del passato ma alle nuove risorse del riformismo. Per farlo serve smetterla parlare di coalizioni, di algebra, di alleanze, investire forte su questo governo, e sulla prossima legge di Stabilità, e serve scommettere sui contenuti, sui progetti concreto, puntando tutto sull’unica rupture possibile oggi per un partito riformista: la rupture definitiva con la sinistra Peter Pan.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    28 Giugno 2017 - 12:12

    Allo stato Renzi ( è ancora giovane e può risorgere ) è un flop su tutta la linea anche se qualche buona idea ce l'ha. Ma senza girarci intorno i suoi nemici interni al partito ed esterni nella palude sinistra sono tutti reduci del 1989. Furono feriti a morte e il loro credo disintegrato .Sembrò che nel tempo le loro ferite si fossero rimarginate ,ebbene dopo 28 anni senza più il vetusto archetipo ideologico hanno subito uno sbarellamento e così guardando il vecchio album di famiglia hanno sentito forte il richiamo della foresta . I fuori usciti del Pd a casa hanno rispolverato la bandiera rossa con tanto di falce e martello e tra un pò la porteranno anche in piazza ( quando Bersani dice che Renzi ha perso i valori intede l'ottimo Karletto Marx o no?) e al momento del distacco sono stati festeggiati da tutta la sinistra radicale italiana.E' un ritorno alla foresta che pur in misura marginale rispolvera il vecchio comunismo come si è visto con Corbyn e Sanders

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    28 Giugno 2017 - 11:11

    Al direttore – La sinistra Peter Pan, cioè, l’isola che non c’è. Ironico, gustoso, ok. Ma Peter Pan è personaggio gioioso, scherzoso, alla mano e tanto simpatico. Riferendosi alla Vecchia Ditta e ai suoi cavalli di razza, Luca Ricolfi, 2008, ha scritto un saggio “Perché siamo antipatici”. Il perché era ben individuato nella sindrome del “complesso dei migliori, intellettualmente, politicamente e moralmente” In altre parole “sindrome da razzismo etico“. Li ritroviamo tutti, giovani, meno giovani, attempati e maturi negli attuali anti Renzi. Non vengono solo dalla Vecchia Ditta, ne consegue che “il complesso dei migliori” è una seria patologia aggressiva e infettiva. Quando un saggio è azzeccato e rivelatore, conserva la sua validità nel tempo e, suggerisce “la sinistra Grimilde”

    Report

    Rispondi

  • g.burlando

    28 Giugno 2017 - 11:11

    La Sua conclusione è sacrosanta ma in quanti articoli Suoi ho già letto nella sostanza gli stessi suggerimenti?

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    28 Giugno 2017 - 10:10

    L'alternativa alla sinistra del passato è il fascismo, tentativo sperimentato dal PD di Renzi con il manganello riformatore, addolcito con la ciarla incantatrice, condiviso infatti più a destra che a sinistra, finito nel tritacarne e digerito dallo stomaco italico con un rutto lo 5 dicembre scorso. Ora il sinistro tritacarne viene riacceso dallo stesso Renzi, non pago, con l'assurdo accanimento per l'approvazione dello ius sòlae, indifferente al KO subito dalle sue amministrazioni locali che sostengono la ripresa economica con la costruzione delle moschee, indissolubilmente legato alla sinistra nell'anima anti islamofoba prona verso chi nega i diritti della donna e chi giustifica l'impiccagione degli omosessuali. Che spettacolo indegno!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi