Ecco come Renzi vuole rimettere il Pd "En Marche"

Dopo il crollo alle comunali la nuova offensiva del segretario è pronta. Ma l'impresa è ambiziosa e a rischio e suscita la perplessità anche degli stessi renziani 

Adesso Matteo Renzi è pronto a rivoluzionare il Pd

LaPresse/Vincenzo Livieri

Al Pd da ieri sera studiano i numeri e i flussi e valutano gli errori. La linea ufficiale è quella che ha dato Matteo Renzi: minimizzare e sottolineare che comunque ancora adesso la maggior parte dei comuni in cui si è votato è guidata da esponenti di centrosinistra. Ma tutti, a cominciare dal leader del partito, sanno che questo non basta. Il timore è che passi un nuovo storytelling, quello secondo cui i grillini possono vincere, persino un redivivo Silvio Berlusconi sia in grado di farlo, ma il Pd no, il Pd dovunque va perde. Ma non è solo un problema di comunicazione, di questo Renzi è ben conscio. Il fatto è che il partito non sembra più avere una sua fisionomia ben precisa, e dopo la sconfitta del referendum del 4 dicembre non basta più la figura del leader per sopperire queste carenze.

  

Dunque il segretario del Pd si vede costretto a fare ciò che più volte ha annunciato e però poi non ha mai fatto, cioè mettere mano al partito. Il che, naturalmente, non significa occuparsi di organigrammi o di circoli. O, quanto meno, non significa occuparsi solo di questo. Renzi ha spiegato ai parlamentari e ai dirigenti a lui più vicini che occorre assolutamente tornare allo spirito originario. Secondo lui il Pd ha dato l'impressione di essere troppo preso da tatticismi politici. Anche se, nonostante il calo, il Partito democratico rimane pur sempre una grande forza politica. In pratica, Renzi vuole rovesciare l'esperimento fatto da Macron. E trasformare il Pd nel suo personale "En marche". Venerdì e sabato, a Milano, all'assemblea dei circoli del partito, il segretario lancerà questa sua nuova offensiva.

   

Renzi sa che l'esperimento è difficile, dal momento che nel Pd c'è un'agguerrita minoranza che vuole bloccarlo, per questo ha già convocato per il 10 luglio una direzione. L'idea di andare avanti con una parte del Pd che ogni giorno gli mette i bastoni tra le ruote non è immaginabile. Perciò, visto che alle elezioni mancano mesi e mesi, tanto vale mettere nel conto anche altre fuoriuscite. A chi non dovesse andare bene il progetto del Renzi tornato rottamatore non verranno fatti ponti d'oro per restare.
Niente più estenuanti mediazioni per sottoscrivere accordi interni che poi vengono contraddetti nel giro di una manciata di giorni.

  

Certo, l'impresa è ambiziosa e a rischio. E suscita la perplessità anche degli stessi renziani, che non sono più gli uomini nuovi approdati in Parlamento e al governo, ma nel frattempo sono diventati ministri, sottosegretari o presidenti di Commissione, più restii a rottamare. Sarà anche contro le loro – pur silenziose perplessità – che Renzi dovrà combattere. Ciò contro cui non combatterà più è invece la pulsione a ricreare esperimenti tipo Unione o Ulivo. Quelli li ha seppelliti definitivamente domenica notte. Aveva e ha torto Andrea Orlando e aveva torto anche Prodi: con quelle coalizioni di centrosinistra che vogliono tenere insieme tutto non si va da nessuna parte. Di questo Renzi è convinto. Definitivamente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    26 Giugno 2017 - 18:06

    E' ancora mistero la ragione per la quale il ministro orlando non ha raggiunto gli scissionisti visto che ogni giorno attacca Renzi . In una intervista ha chiesto a Renzi una Bad Gotemberg . Sprezzante del ridicolo non ricorda per quale ragione quella cittadina è ricordata ,il taglio del cordone ombelicale dei social- democratici tedeschi con la tradizione marxista. Orlando dovrebbe chiedere identico taglio ai suoi amichetti fuoriusciti dal Pd posto che contestano Renzi perchè non ha - come loro- ricamato falce a martello su la biancheria intima come giusto lo stesso ministro Bersani e tutte le altre ranocchie fino agli impavidi della Sinistra Italiana e la congrega de il manifesto. Nella sinistra italiana accadono cose che nessun occhio umano......... Al funerale di Rodotà invece dell'inno nazionale - grande personalità nella storia di Italia - hanno cantato Bella Ciao. Sappiamo tutti che a sinistra quando si canta BellaCiao nel cuore musica e parole sono di Bandiera Rossa

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    26 Giugno 2017 - 17:05

    A mio avviso una buona parte del flop PD è dovuta al fattore migranti. La gente è ormai molto preoccupata e francamente il PD non ha provveduto a rassicurarla. A livello locale la questione è molto sentita e la scelta di sindaci di destra rassicura maggiormente. Da ciò che amici, parenti e conoscenti mi dicono hanno votato per il centro destra anche persone notoriamente di sinistra. Ironica la cosa per il PD di Renzi che avrebbe voluto e potuto attirare il voto dei tanti moderati di centro-destra. E invece è successo il contrario. Poi è arrivata anche la legge sullo Ius Soli ad inasprire il "sentiment" popolare. Come è possibile fare di questi errori alla vigilia di un voto? Ingenuità o qualcos'altro? D'altro canto Berlusconi ha fatto un ottimo lavoro riuscendo a ricucire il centro destra. Purtroppo già da oggi hanno ricominciato a litigare come è tradizione degli assembramenti berlusconiani. Almeno il PD si è liberato (quasi) dei dissidenti.

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    26 Giugno 2017 - 15:03

    Prest, urge una nuova rubrica : "Ah Mattè, ma che sta'a ddì?"

    Report

    Rispondi

    • sergiopatelli

      29 Giugno 2017 - 10:10

      condivido il racconti fatto e spero che Mattei Renzi tiri dritta e non abbia nessun dubbio , perché è l'unico cosa possibile . Il partito va cambiato seno cosa è valso avere un nuovo segretario , se la gente del PD vuole tenere le vecchie direttive si potevano tenere Bersani. E tutti gli altri che come formiche seguano le strade del passato possono continuarle a farlo seguono i sinistroidi che è l'unica cosa che sanno fare,riempiendosi la bocca dei soliti slogan .

      Report

      Rispondi

Servizi