Quello che Bersani si ostina a non capire del Movimento 5 Stelle

Nemmeno le recenti aperture a destra dei grillini fanno ricredere l'ex segretario del Pd che continua a ragionare in maniera ideologica

Quello che Bersani si ostina a non capire del Movimento 5 Stelle

Pier Luigi Bersani (foto LaPresse)

Pier Luigi Bersani continua a ripetere un po’ ossessivamente che l’errore di fondo di Matteo Renzi sarebbe quello di non essersi accorto del pericolo di “destra”. La sua ricetta è quella di un dialogo con il Movimento 5 stelle allo scopo di isolare Silvio Berlusconi. Forse, però, la sua fobia monomaniaca lo ha indotto a non riconoscere “la vacca in corridoio”, cioè a non comprendere che il movimento grillino ha caratteristiche permanenti di tipo anti-istituzionale e antidemocratico, mentre il suo presunto orientamento a sinistra è puramente tattico e variabile, come dimostrano le più recenti giravolte quasi xenofobe.

 

È un vizio antico del massimalismo, che quasi cent’anni fa espulse Filippo Turati e Giacomo Matteotti perché sospettati di voler trattare con Giovanni Giolitti. Intanto i fascisti (guidati da un ex massimalista) assalivano le Case del popolo e si è visto com’è andata a finire. Fortunatamente la storia non si ripete nei suoi aspetti più drammatici, ma resta l’impressione che invece una replica farsesca di quelle vicende tragiche non ci sarà risparmiata. Alla base di questo errore di ottica c’è, oltre al pregiudizio etico-estetico antiberlusconiano, una lettura ideologica dell’insoddisfazione e della rabbia dei ceti che si sentono declassati o impoveriti. A quella reazione il massimalismo tende a dare un’interpretazione unidirezionale, la considerano un presupposto di una spinta rivoluzionaria o almeno progressista. La lezione del sostegno a Donald Trump delle aree di disagio sociale delle zone industriali, la base sociale della Brexit, persino il relativo successo di Marine Le Pen nelle antiche roccaforti rosse della Bretagna non hanno insegnato nulla. Si pensa sempre che la responsabilità sia di una sinistra che non ha saputo intercettare la rabbia con una politica più radicale, dimenticando che questo contrasta con i vincoli oggettivi derivanti da una funzione di governo.

 

Con l’indignazione e la rabbia bisogna fare i conti, naturalmente, ma senza cedimenti a concezioni puramente demagogiche, almeno se si vuole prospettare una ipotesi politica di governo e non solo competere per le seconde o le terze file, in uno spirito di testimonianza puramente autoreferenziale. Bersani, che ha governato una regione e ha coperto incarichi ministeriali, lo sa benissimo, ma, accecato dalla sua visone unilaterale, si immagina ancora un dialogo impossibile con i 5 stelle, che peraltro lo rifiutano sdegnosamente. Sarebbe ragionevole pensare che le più recenti esternazioni grilline, che puntano esplicitamente a recuperare consenso a destra, facciano ricredere Bersani. Ma quando c’è l’ideologia di mezzo non è detto che ciò che è ragionevole prevalga sulla faziosità settaria. Rimettere al loro posto reale Berlusconi e Grillo porterebbe a riconoscere che la scissione del Partito democratico era basata su un abbaglio, ma questo Bersani, anche se ne fosse intimamente convinto, non lo ammetterà mai. Così, per giustificare un errore ne commette tanti altri, sottraendo forze vitali a una prospettiva, già di per sé difficile, di rianimazione della democrazia italiana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    15 Giugno 2017 - 21:09

    Bersani è una persona perbene. Dicono tutti .E allora ? A me me pare matto. Con il giaguaro smacchiato le vacche ed altre amenità . Alle primarie ha vinto su Renzi,poi Renzi ha vinto quelle dopo e il Bersani perbene vendo perso si è ingrifato di brutto denunciando Renzi per ave tradito i sacri principi del Pd . Seguo la politica per nonaver altro da fare questi sacri principi di Bersani ( e la ghenga che si è formata attorno a lui ) non li ho capiti se non come rimneggiamenti rosa sul rosso di Das Kapital. tanto vero che senza motivazioni minimamente attendibili ha lasciato in do il Pd trascinandolo con un quasi 5% di fuori -usciti quasi al fallimento e in precaria corsa a rincorrere Grillo. Con molta simpatia io ,che mezzo fallito il Cav ( cos'è è un misero 12%?) , mi sono buttato a tifare per il golden boy ,li ricoverei tutti i Speranza i Lattorre i Fassina e tutti gli altri , perchè se la politica è l'arte del compromesso loro hanno avuto compromesso il loro cervello.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    15 Giugno 2017 - 18:06

    Al direttore - Impostazione pure poco democrarAmici di studi, tesserati e militanti del PCI, con incarichi regionali mi ammonivano: "Ricordati, noi siamo un Paese nel Paese. Chi far entrare o espellere nel nostro Paese lo decidiamo solo noi." Sarà stata impostazione poco democratica, ma funzionava. Semplicemente perché potevano permetterselo. Bersani è un tutto unico con l'orgoglioso assunto, ma non può permetterselo. Sovviene "il misero orgoglio di un tempo che fu"

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    15 Giugno 2017 - 17:05

    Non si tratta di ragionamento ideologico da parte di Bersani ma di altro. E' incapacità di comprendere la vera natura camaleontica dei pentastellati i quali sono abilissimi nello sfruttare e trarre vantaggio dai sentimenti e dalle pulsioni della gente e in specie di quella parte di popolazione più sprovveduta. Grillo ragiona così: visto il deludentissimo risultato alle amministrative mentre un altro partito populista, la lega, pur essendo territorialmente limitata è riuscita ad accumulare ben il 13% dei voti su base nazionale, decide di punto in bianco ( così come aveva fatto tentando di cambiare casacca nel parlamento europeo) di sfruttare gli argomenti antimigrazione di Salvini. Quello che Bersani non riesce a capire e mai capirà è che se ci fosse una parte di popolazione che chiedesse di sterminare i gatti neri, subito Grillo e il socio Casaleggio proporrebbero in Parlamento una legge per la cattura e l'uccisione dei gatti neri.

    Report

    Rispondi

Servizi