L'armata contro il patto costituente

Le ragioni che si nascondono dietro l’ostruzionismo dei padri nobili del centrosinistra alla legge elettorale

L'armata contro il patto costituente

Giorgio Napolitano (foto LaPresse)

I padri nobili del centrosinistra si scatenano contro l’accordo tra i quattro partiti che stanno varando una nuova legge elettorale, viatico necessario per tornare alle urne. Pare che la questione della data del voto sia un punto cruciale. Siccome è evidente che non è così e le vecchie glorie del pantheon democratico lo sanno benissimo, può essere utile cercare di capire quali siano le reali motivazioni di questo tentativo di ostruzione.

 

Quello che si sta costruendo è un embrionale patto costituzionale tra forze diverse e antagonistiche. Aprendo a un accordo con Silvio Berlusconi, Matteo Renzi ha stanato Beppe Grillo inducendolo, o costringendolo, a entrare nella logica della trattativa con le altre forze parlamentari per la prima volta. È proprio la possibilità di un’intesa larga sulle regole, che nella prossima legislatura potrebbe consolidarsi ed estendersi agli aspetti più critici del sistema istituzionale, che segna una svolta che non piace.

 

I quattro leader, come li chiama con un tono un po’ sprezzante Napolitano, sono persone assai diverse per temperamento, età, orientamento politico, stile personale. Nessuno di loro siede in Parlamento. Un indizio della natura profonda dell’opposizione all’accordo a quattro si può trovare in una locuzione un po’ strana utilizzata da Napolitano: quell’accordo sarebbe “extracostituzionale”. Che cosa vuol dire? Non contrario alla lettera e alle norme della Costituzione, altrimenti avrebbe detto anticostituzionale, ma diverso dall’interpretazione che la vecchia guardia dà dello “spirito” della Costituzione. In realtà anche il patto costituzionale fu stipulato tra forze diverse e persino opposte, ma col tempo l’invenzione demitiana dell’arco costituzionale tese a trasformare quell’intesa istituzionale in un specie di piattaforma politica consociativa. Costruire adesso un nuovo patto con soggetti, da Forza Italia alla Lega al Movimento 5 stelle, che di quell’antico arco costituzionale non furono protagonisti, escludendo le formazioni minori e minoritarie che invece a essi si richiamano, si tratti di postcomunisti o di postdemocristiani, sembra una violazione di un patto non scritto, che ormai però dovrebbe avere solo un valore storico, non certo politico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    08 Giugno 2017 - 08:08

    Il centro sinistra era e si conferma una disgrazia per il Paese. I grillini una sciagura rovinosa. E il centro destra? C'era una volta... Non ci resta che sperare in una ritrovata coalizione Renzi Berlusconi che ci procuri con un po' di buon senso meno danni possibili. Ovvero che ci faccia almeno sopravvivere alll'annunciata e largamente prevista tempesta. Quella che Il professor Ricolfi, tra i pochi che dalle nostre parti non parlano mai a vanvera, mi pare abbia immaginato come la tempesta perfetta.

    Report

    Rispondi

Servizi