Arrivano i franchi tiratori. Vacilla l'intesa sulla legge elettorale

Nel voto segreto contro le pregiudiziali di costituzionalità al patto Pd-Lega-Forza Italia-M5s mancano 66 voti. E Grillo si sfila: “Il testo deve essere rivotato dagli iscritti”

Camera dei deputati

La Camera dei deputati (foto LaPresse)

Doveva essere un patto di ferro. Pd, Fi, Lega e M5s insieme contro tutti per riformare il sistema elettorale. Non dovevano esserci problemi. Soprattutto alla Camera dove i numeri garantivano un certo margine di tranquillità. Invece, alla prova del primo voto segreto, la solida maggioranza ha cominciato a perdere pezzi. E ora più di qualcuno comincia a pensare che non sarà semplice arrivare senza problemi alla fine del percorso. Per ora, comunque, il primo scoglio è stato superato.

 

Le pregiudiziali di costituzionalità, su cui Mdp, Ap e FdI hanno chiesto il voto segreto, sono state respinte con 310 voti contrari e 182 favorevoli. Sulla carta i quattro partiti più grandi possono però contare 449 deputati. Il che significa ben 139 voti in meno. Anche se, al netto di missioni e calcolando un inevitabile dissenso, effettivamente ne sono mancati 66.

 

Collegi, scheda, capilista. Cosa c'è nella nuova legge elettorale

Il testo arriverà domani in Aula alla Camera. Un piccola guida per orientarsi su come cambierà il sistema di voto

 

E tanto basta per far ricomparire i fantasmi del passato con il capogruppo del Pd alla Camera, Ettore Rosato, che avverte i suoi parlamentari: “O i 4 partiti che hanno sottoscritto l'intesa votano quello che abbiamo deciso o non c'è più alcuna intesa. Vi ricordo cosa accadde quando furono 101.... (riferimento ai franchi tiratori che impedirono a Romano Prodi di essere eletto presidente della Repubblica ndr)”. 

 

Ma non solo solo i numeri a preoccupare. Con un post sul proprio blog Beppe Grillo sembra infatti rimettere in discussione l'intesa: “Oggi sono iniziate alla Camera le votazioni sulla legge elettorale. Come già fatto in commissione, anche in Aula cercheremo in tutti i modi di ottenere nuovi miglioramenti, come il voto disgiunto, le preferenze e i correttivi di governabilità. Non sappiamo se ce la faremo perché non dipende solo da noi. Abbiamo già ottenuto importanti risultati come la cancellazione delle pluricandidature e dei capilista bloccati. Il testo di legge che uscirà dal voto degli emendamenti di questi giorni sarà
ratificato dai nostri iscritti con una consultazione online che si terrà prima del voto finale del provvedimento, che dovrebbe
essere previsto lunedì, nei giorni di sabato e domenica”. Insomma attenti a cantare vittoria perché all'ultimo il M5s potrebbe anche decidere di tirarsi fuori. 

  

Intanto Matteo Renzi mette le mani avanti su Fcebook: “Non è la nostra legge ma noi serviamo le istituzioni. Adesso è sovrano il Parlamento. Se passerà, bene. Se qualcuno si tirerà indietro, gli italiani avranno visto la serietà del PD che ha risposto all'appello del Capo dello Stato”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mario.patrizio

    08 Giugno 2017 - 08:08

    Una straordinaria fioritura di opinioni, questioni, prese di posizione perfettamente inserite nei meccanismi politici non annunciano la primavera. E' una battaglia, d'accordo, l'”House of card” in formato bizantino, ma il tatticismo, il protagonismo del “ci sono se mi vedi”, il primato riconosciuto della convenienza di parte con disprezzo della ragione e dei rapporti di forza, la facilità con la quale si pensa di dare spiegazioni ragionevoli agli elettori frastornati, è quantomeno indice di quella mancanza di capacità professionale dell'intera classe tipico dell'irresponsabilità del sistema. Nell'originale Underwood dice: “Il paese ha bisogno di me” e si comporta da criminale per vincere, qui i tanti Underwood giocano per far perdere, tutti.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    08 Giugno 2017 - 07:07

    Ciò che spaventa deputati e senatori, ministri e sottosegretari e' la prospettiva di elezioni anticipate. Il peggior Parlamento della storia repubblicana per qualità politiche e morali della maggioranza dei suoi membri non ne vuol sapere d'esser sciolto anche e soprattutto perché una larga parte dei parlamentare teme giustamente di non essere rieletta. Cosa non si fa per qualche mese in più di onori (l'essere appunto "onorevole") con paghetta: tutto, tranne che politica, s'intende. Poi dice che uno grida: che schifo! Rispondono i ministri Alfano e Lorenzin molto molto preoccupati del voto: stiamo e restiamo al governo nell'interesse del Paese e del suo popolo! Provassero una volta tanto a vedere se trattasi di interesse ricambiato.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    07 Giugno 2017 - 19:07

    I pregiudizi pregiudiziali di costituzionalità che si ascoltano in parlamento sono più divertenti delle stupidate di Grillo.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    07 Giugno 2017 - 19:07

    Infatti , io non simpatizzo per Grillo, ma la legge elettorale che sta venendo avanti non ha niente a che vedere con il sistema tedesco. Cerchiamo sempre di fare le riforme all'italiana, ovvero confusione completa. Sarebbe ora di cambiare, una volta per sempre! Le scelte infatti non debbono farle i partiti, ma gli elettori. Togliere loro questa possibilità non è certo coerente con le regole democratiche.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi