Pd, Forza Italia e M5s a un passo dall'accordo sul “tedesco”

Il Movimento ha consegnato la sua proposta ai Democratici. Anche Beppe Grillo dice sì alla svolta proporzionale ma chiede le elezioni il 10 settembre per evitare che scattino le pensioni dei parlamentari

Legge elettorale, una proposta per evitare il Poraccellum

E alla fine anche l'Italia, nonostante tutto, si è lasciata conquistare dalla Germania di Angela Merkel. Che sarà anche il baluardo dell'Europa dell'austerità, ma ha un sistema elettorale che piace tantissimo ai nostri principali partiti. Movimento 5 Stelle in testa.

 

Un Orlando furioso

“Sì: abbiamo un serio problema di classe dirigente. E i populismi non si combattono avvicinandosi al Cav”. Parla il ministro della Giustizia

 

Infatti, dopo la consultazione online sul proprio blog, anche Beppe Grillo ha dato il via libera ad una riforma della legge elettorale che si ispiri al modello tedesco (27.473 i militanti favorevoli, solo 1.532 i contrari). Il comico, però, detta alcune condizioni. “La legge elettorale che il MoVimento 5 Stelle voterà in Parlamento  - spiega - sarà il proporzionale tedesco con soglia di sbarramento al 5% ed eventuali correttivi, costituzionalmente legittimi, per garantire una maggiore governabilità, così come sancito dai nostri iscritti. È una legge elettorale costituzionale, la prima ad esserlo dopo la vergogna del Porcellum e dopo il pastrocchio dell'Italicum che è stato stroncato dalla Consulta. Non siamo disposti a scendere a compromessi né a votare altre corbellerie incostituzionali come il Verdinellum e il Rosatellum. La discussione sulla legge elettorale da noi proposta deve avvenire in maniera trasparente nella sede apposita: il Parlamento. Sappiamo tutti che Renzi e Berlusconi si stanno organizzando per un'alleanza pre e post elettorale, ma la legge elettorale non deve diventare ancora una volta merce di scambio. Gli italiani devono avere una legge elettorale costituzionale e chiara che consenta loro di scegliere se governare il Paese con il MoVimento 5 Stelle o farsi governare dall'alleanza Pd - Forza Italia, come è da 20 anni a questa parte”.

 

I nomi della segreteria, il varo di "Bob" a giugno e… un'edicola Matteo

Tutto quello che c'è da sapere questa settimana dal Nazareno

 

Non solo, per Grillo, una volta raggiunto l'accordo sulla legge elettorale, si può tornare alle urne. Per questo fissa anche la data: il 10 settembre, prima che i parlamentari arrivino “al giorno della loro pensione da privilegiati che scatta il 15 settembre”. Insomma mai come oggi un'intesa tra Pd, Forza Italia e M5s sul “tedesco” sembra a portata di mano.

 

Il Nazareno bis parla tedesco

Il giro di Silvio Berlusconi ha ripreso i contatti con Matteo Renzi. Ecco la sua proposta

 

Intanto il Pd ha avviato gli incontri con le altre forze politiche. Breve, di appena mezz'ora, quello con il M5s. "Abbiamo consegnato la nostra proposta di legge elettorale, così come votata dagli iscritti del MoVimento 5 Stelle - hanno spiegato in una nota Vito Crimi, Roberto Fico e Danilo Toninelli, componenti della delegazione - Il nostro obiettivo è quello di evitare che i partiti partoriscano l'ennesima legge incostituzionale, dopo il Porcellum e l'Italicum. Adesso chiediamo a tutte le altre forze di assumersi le loro responsabilità davanti ai cittadini. Se lo faranno seriamente, in breve tempo, potremo finalmente dare al Paese, dopo quasi dodici anni, una legge elettorale rispettosa della Costituzione”. La strada, quindi, appare ormai tracciata. Certo, la svolta non piace alla parte dei Democratici guidata da Andrea Orlando. E anche Angelino Alfano non gradisce lo sbarramento 5%. Ma se Pd, Forza Italia e M5s trovano l'accordo non ci sarà molto da discutere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    29 Maggio 2017 - 19:07

    Ma alla Brambilla capo del partito trasversale degli animali nessuno ha chiesto se vuole una legge elettorale che preveda qualche incarico a un animale mettiamo un seggio senatoriale ad un cavallo. Naturalmente di nobiltà certa , ad esempio un figlio di Varenne.

    Report

    Rispondi

  • bezzicante

    29 Maggio 2017 - 18:06

    Il tedeschellum...

    Report

    Rispondi

  • Andrea

    29 Maggio 2017 - 17:05

    Grillo non parla di sfiducia costruttiva. Un "aggiustamento" chiesto da Stefano Parisi che darebbe all'assetto istituzionale una stabilità governativa di notevole importanza e maggiore responsabilità ai parlamentari. Concordo sul fatto che il 5 per cento di sbarramento sia decisivo per la scelta di questo sistema di votazione.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    29 Maggio 2017 - 16:04

    Una cosa va chiarita: il sistema tedesco presuppone lo sbarramento al 5 per cento, annacquare questo sbarramento significa fare le solite riforme, o presente tali, all'italiana. Quanto poi alle discettazioni sulla legge elettorale collegata alla Costituzione, sarebbe ora e tempo di chiarire che le riforme costituzionali in Italia bisogna farle. Renzi e compagni hanno sbagliato su tutti i fronti, ma chi governerà, dopo le elezioni , deve provvedere, perché la nostra non è per niente la "Costituzione più bella del mondo". Velo pietoso poi sulle riscoperte , dopo il referendum, su utilità enti inutili e dintorni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi