"Caro Orlando, non possiamo allearci con chi ci considera dei fascisti"

I renziani dopo l'intervista del ministro al Foglio

"Caro Orlando, non possiamo allearci con chi ci considera dei fascisti"

LaPresse/Roberto Monaldo

Roma. Il Pd ha un problema di selezione della classe dirigente e un leader che difficilmente può unire tutto il centrosinistra, ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando al Foglio, che rilancia anche sul tema della formazione. Il Pd ha intitolato la scuola di politica a Pier Paolo Pasolini, ma che cosa c’entri, dice Orlando, “sinceramente non lo so. Credo che Pasolini sia l’antirenzismo per definizione. C’è una lettura del moderno di Pasolini che è sicuramente uno stimolo critico, ma persino io stenterei a condividerla, che pure sono più critico di Renzi sull’esistente”. I renziani ammettono che c’è effettivamente un problema di classe dirigente, “ma è un tema non solo del Pd. Occorre – dice il deputato David Ermini – che i giovani vedano nella politica una speranza. E la politica da decenni non offre più il futuro ma nemmeno la speranza di averlo. Credo che negli ultimi tempi solo Prodi, Veltroni e Renzi abbiano avuto la capacità di far sognare il centrosinistra e l’Italia. C’è molto da fare. Ho fatto il commissario del Pd in Liguria per un anno e mezzo. Abbiamo chiuso con un congresso unitario e candidati sindaci nelle città assolutamente competitivi”. Matteo Ricci, sindaco di Pesaro e responsabile enti locali del Pd, rivendica il ruolo degli amministratori presenti sul territorio, a lungo rimasti nell’ombra e da valorizzare maggiormente: “Il Pd ha una grande classe dirigente sul territorio che è stata valorizzata troppo poco. Chiunque sia stato a fine gennaio a Rimini, dove si sono trovati 1.500 amministratori, ha visto ha classe dirigente competente, formata sul campo, che abbina continuamente idealità e programmi concreti. Una classe dirigente che altre forze politiche non hanno, penso ai grillini”.

   

Aggiunge il deputato Andrea Romano: “Il problema della classe dirigente non è solo del Pd ma di tutta la politica italiana. Anche perché usciamo da vent’anni di antipolitica trionfante, che non rende oggi la politica particolarmente attraente. Negli anni Cinquanta un millennial di belle speranze e intellettualmente attivo faceva politica per partecipare alla ricostruzione nazionale. Oggi è difficile che un giovane si avvicini ai partiti con lo stesso spirito. C’è effettivamente un problema di classe dirigente e ce l’ha il Pd a differenza di Forza Italia e Beppe Grillo perché la sinistra ha sempre dato molta importanza alla formazione politica. Non penso solo alle Frattocchie, ma anche al partito socialista francese o ai laburisti. Oggi fare formazione politica non significa tanto formazione ideologica ma amministrativa, comunicativa. Significa anche imparare a dirigere gruppi complessi. Per fortuna, il Pd ha ricominciato a farla. Dobbiamo moltiplicare le occasioni, di scuole come quella di Milano ne servono altre 10-100-1.000, a tutti i livelli”. Ora comunque, a differenza del 2013, c’è una situazione non emergenziale, dice Romano. Quindi, “Renzi e il gruppo dirigente del Pd hanno un mandato solido e pieno anche grazie al ruolo della minoranza. Orlando non è né Civati né Bersani. Non c’è nella minoranza un intento delegittimante nei confronti di Renzi, che non viene considerato un invasore”. Da questo punto di vista le posizioni irredentiste di D’Alema, dice Romano, sono utili perché stabiliscono un punto di non ritorno: “D’Alema ha tracciato la linea. Per questo dico che non dobbiamo illuderci e pensare di allearci con chi ci considera dei fascisti. Mentre invece avere una minoranza come quella di Orlando, che non ti tratta un come usurpatore, è un’occasione per ricostruire insieme la classe dirigente. Anche Orlando se ne deve far carico”. A proposito di alleanze, aggiunge Ricci: “Il centrosinistra è il Pd, bisogna che ce lo mettiamo bene in testa. Poi, certo, il Pd deve allargarsi, e noi in queste amministrative ci stiamo provando con coalizioni di centrosinistra e civiche. Il Pd dunque potrà dialogare con chi intende allargare l’area riformista. Ma pensare di fare un’alleanza con chi è uscito e ha come obiettivo l’antirenzismo, specie dopo che abbiamo fatto un congresso che è stato stravinto da Renzi, è una strada impraticabile. Finché si tratta di Pisapia e di altre forze civiche liberali va bene. Ma noi siamo il centrosinistra e non c’è altro spazio fuori dal Pd”. Extra Ecclesiam nulla salus.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    27 Maggio 2017 - 11:11

    Mi capita spesso d'ascoltare in TV molte sciocchezze politiche recitate da Andrea Romano e chiedermi cosa indica un docente universitario a polemizzare con argomentazioni così banali e di basso livello. Dal web apprendo poi delle sue trasmigrazioni elettorali e parlamentari fino all'approdo alla corte renziana. Suppongo aspiri a riconferma parlamentare in luogo del ritorno all'originaria professione. E mi spiace ma mi desta qualche meraviglia, se non perplessità, possa egli assurgere a ruoli di dirigenza politica .

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    27 Maggio 2017 - 08:08

    Renzi: ora o mai più. Renzi o fa una rottamazione vera, anche di parole o mai più. Chi ripropone scuole di partito è più vecchio di Togliatti. Le scuole universitarie le abbiamo a cui aggiungerei Bocconi e Luis. Da li prendete la classe dirigente che "spontaneamente" viene da voi e non da voi lusingata. Macron è la ricostruzione e non, il ti vorrei ma non posso, che ci ha e sta massacrando. Renzi deve osare e dire il che fare. Grillo lo marca stretto e lo stana come sulla legge elettorale alla tedesca. Grillo sa che non può governare ed il suo scopo è logorare. Le chiacchiere del PD gli danno ragione. Ed il popolo? Sempre in trincea aspettando la fine del mese che non arriva mai.

    Report

    Rispondi

Servizi