Se l'accoglienza affonda il modello Sala

Perché l’eccesso di retorica rischia di appannare il sindaco realista

Se l'accoglienza affonda il modello Sala

Subito mette le mani avanti, “dal giorno dopo, però, riprenderemo a fare quello che facciamo ogni giorno: lavorare affinché ci sia una vera integrazione, e non solo una generica accoglienza”. Il giorno prima, però, sabato 20 maggio, il sindaco di Milano Beppe Sala sfilerà nella manifestazione “Insieme senza muri” promossa proprio dal comune (la primogenitura ideologica spetta all’assessore al Welfare Pierfrancesco Majorino, punta di lancia milanese della minoranza dem che ha sfidato Matteo Renzi al recente congresso) sull’esempio dell’analoga marcia “Vogliamo accogliere” organizzata qualche mese fa a Barcellona con benedizione della sindaca Ada Colau, contro le politiche di chiusura all’immigrazione che sempre più si affacciano in Europa. A Barcellona parteciparono 160 mila persone. A Milano le persone previste saranno molte di meno, attorno alle ventimila, ma ci saranno Emma Bonino e Pietro Grasso, le ong e le associazioni che si occupano di accoglienza, il mondo cattolico (seppure dalla curia e zone limitrofe sia venuto anche qualche caveat contro gli eccessi retorici), e tutta la compagnia di giro della cultura prog.

Il muro Majorino

Polemiche (anche a sinistra) per la marcia dell’accoglienza. Demagogia per una città già satura

Non è questo il problema, manifestare non costa niente. Il problema del sindaco di Milano, ma è un problema che ovviamente non riguarda soltanto lui, è decidere culturalmente quale linea seguire. Sala, in un’intervista ieri a Repubblica, ha messo in fila le sue idee e qualche contraddizione. “La sicurezza di sinistra è quella che non si vergogna di chiedere più militari”, ma allo stesso tempo è tornato a criticare il blitz di qualche settimana fa alla stazione Centrale, che pure rientra nello stile efficientista à la Minniti: “Non è il nostro modello”, “la vera fotografia di Milano non è quella della Centrale”. Certo, quel blitz di controlli si poteva fare meglio, e sarebbe risultato più utile. Ma è un errore continuare a mettere tra parentesi l’esistenza di un’emergenza conclamata e che dalle sponde del Mediterraneo arriva a Milano come in un suo hub naturale, generando una situazione d’allerta gestionale e anche sociale. E’ il contrario di quel che la sinistra riformista dovrebbe fare, se non avesse demagogicamente paura della parola “sicurezza”. Ma è uno spartiacque culturale su cui la sinistra tornerà a scontrarsi nei prossimi mesi elettorali. C’è da scommetterci, ed è un peccato. Anche per il famoso “modello Milano”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    20 Maggio 2017 - 13:01

    L'accoglienza va bene. Il rispetto delle nostre leggi da parte degli accolti sarebbe ancora meglio.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    19 Maggio 2017 - 09:09

    Sala? Poche idee ma confuse, si sarebbe detto una volta al bar. E tanta astuzia, potrebbe aggiungere qualcuno, se non fosse che in politica la furbizia di solito non paga. "Insieme senza muri" va bene, ma con che cosa?

    Report

    Rispondi

  • ceva.paola

    19 Maggio 2017 - 09:09

    Va bene l'accoglienza, le manifestazioni sono anche quelle eventi milanesi... Ma se io, milanese che si muove in treno, scelgo sovente e soprattutto in certe ore di non arrivare in stazione Centrale, non dico per timore... basta il disagio... per la situazione descritta nell'articolo, allora il sindaco, che ho votato, ha un problema, che è il mio.

    Report

    Rispondi

Servizi