Ecco perché Renzi può resistere alla post-verità delle intercettazioni

Fra Consip e Banca Etruria i democratici possono resistere bene e alla fine perfino prevalere davanti a un’opinione pubblica esasperata dalle palesi strumentalizzazioni

Ecco perché Renzi può resistere alla post-verità delle intercettazioni
C’è almeno un aspetto negativo, nel clamoroso autocomplotto che ha indotto Marco Travaglio, a sua insaputa, a fornire a Renzi il migliore assist mediatico dell’anno. Il segretario del Pd lo sa, il suo gruppo dirigente lo sa, ma possono farci poco. Il danno, a medio termine, potrebbe essere grave. E consiste nel fatto che, fra Consip, Banca Etruria e chissà cos’altro, i democratici vengono tenuti inchiodati su un terreno sul quale possono anche resistere bene, alla fine perfino prevalere davanti...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    20 Maggio 2017 - 10:10

    Ma fino all'altro ieri non ritenevate con Renzi di poter contare sul 40 per cento dei si referendari? Ora siamo scesi al trenta, e,i festeggiamenti continuano...Sullo sfondo resta purtroppo la mancata risposta al quesito politicamente più importante: come e perché da uomo solo al comando del governo e del Pd Matteo Renzi ha dilapidato il patrimonio di voti raccolto,nella sua prima ed unica tornata elettorale, ovvero quella delle europee? A meno che perdere il 10 per cento dei voti non sia ormai considerata cosa insignificante se non irrilevante, nelle grottesche analisi politiche di casa nostra. Premetto che non ho nulla contro l'uomo solo al comando, anzi i brividi me li provoca la virata verso la collegialita', da sempre foriera di immobilismo.

    Report

    Rispondi

Servizi