Che cos'è una tortura

Il ping pong parlamentare stravolge il ddl, il primo firmatario non lo vota

Che cos'è una tortura

Foto LaPresse

Il Senato ha approvato la legge che introduce il reato di tortura nel codice penale. Il testo, modificato, dovrà tornare alla Camera per una quarta lettura. Di per sé è positivo che l’iter legislativo vada avanti, ma sul testo approvato si possono esprimere dubbi da più versanti. Luigi Manconi, presidente della commissione per i Diritti umani del Senato che era stato il primo firmatario della proposta di legge, non l’ha però votata perché pensa che le modifiche abbiano stravolto l’intento originario di conformare la legislazione italiana alle normative internazionali. Da altre parti si critica il carattere confuso della definizione del reato, che apre come spesso accade in Italia un ventaglio troppo ampio di interpretazioni discrezionali da parte della magistratura. In effetti spiegare in che cosa la tortura si differenzi dalla normale violenza privata non è semplice, e la legge fa risalire la distinzione alle motivazioni del reo, che non sono facilmente identificabili. C’è poi la questione dell’istigazione alla tortura, che viene punita severamente anche quando la tortura non è poi stata effettivamente perpetrata dal sottoposto “istigato”, altra fattispecie di reato assai complessa da determinare in modo certo. La materia è complessa e questo in parte giustifica l’imprecisione di alcuni aspetti della normativa, ma si ha l’impressione che il ping pong tra i due rami del Parlamento, che avrebbe dovuto servire almeno a fare chiarezza, abbia ottenuto il risultato contrario. Così si corre il rischio che una buona intenzione finisca ancora una volta a lastricare la strada per l’inferno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    18 Maggio 2017 - 15:03

    Se qualcuna delle tricoteuses ( LuigiManconi& compagni e frotte di sinistra a sinistra della sinistra) leggessero "Osservazioni sulla tortura" di Pietro verri ritirerebbero immediatamente la parola tortura del loro disegno di legge anzi lo ritirerebbero essendo sufficienti i vari reati che puniscono ogni forma di violenza fisica morale psichica , per i latini vis compulsiva (fisica) e vis absoluta ( psichica /morale) con la pesante aggravante di essere compiuti elementi appartenenti a corpi dello stato. In Italia le tricoteuses di cui sopra vogliono solo tenere sotto schiaffo le forze dell'ordine e infatti vorrebbero che il personale in servizio avesse appuntato sul petto un cartellino con il nome e cognome ( per ora nel tempo imporranno il domicilio e telefono) al solo scopo di consentire a qualche facinoroso ( eufemismo ) di fargli la posta sotto casa e linciarlo. Bell'Italia.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    18 Maggio 2017 - 08:08

    Ennesima testimonianza di confusione politica a sinistra. Ennesima prova che quanti a legislatori da lungo tempo ormai siamo messi male, molto male.

    Report

    Rispondi

Servizi