“Con quelle intercettazioni il Fatto ci fa un regalo”. Parla l’avvocato di Tiziano Renzi

Federico Bagattini: “Dalla trascrizione emerge la linea ribadita finora dal mio assistito sulla cena con l’imprenditore Romeo. Certo, ne ignoravamo l’esistenza, e in questo si ravvisa una macroscopica lesione del diritto di difesa”

Consip si sgonfia

Tiziano Renzi (foto LaPresse)

“Non serviranno denunce dal momento che la procura di Roma indagherà autonomamente per scoprire i responsabili dell’ennesima fuga di notizie”. L’avvocato Federico Bagattini ha la voce squillante. Esce dallo studio legale in via Il Prato giusto il tempo di sorseggiare un caffè, poi si rimette al lavoro con i giovani collaboratori incaricati di leggere le migliaia di pagine dell’inchiesta Consip. “Una volta tanto, il Fatto quotidiano ci fa un gran regalo, ci facilita l’impresa”. Il riferimento è al dialogo tra Matteo Renzi e il padre Tiziano svelato dal giornalista Marco Lillo nel libro “Di padre in figlio”, una captazione telefonica sulla quale la procura di Roma ha aperto un fascicolo per rivelazione del segreto istruttorio e pubblicazione arbitraria di atti di un procedimento penale.

 

Caos Consip

Tutto quello che non va nell’inchiesta di Napoli, e quella guerra con Roma ormai palese

“Dalle parole trascritte – prosegue l’avvocato – emerge la linea ribadita finora dal mio assistito. Il signor Tiziano ha sempre dichiarato di non essere stato a cena con l’imprenditore Romeo, né in una bettola né in un bar, non si può escludere invece un eventuale incontro in occasione di un evento affollato come quello al Four Seasons nel 2012. Ma si rende conto anche lei che parliamo di cinque anni fa, la memoria di un sessantaseienne può comprensibilmente vacillare nella ricostruzione di un evento remoto nel tempo”.

 

Caso Consip, l'Italia è ferma al 1992

Venticinque anni dopo Mani Pulite, l’Italia si trova a un punto di svolta: restare agganciata al treno dell’Unione europea o deragliare trascinando un pezzo del convoglio nel burrone

 

Inquieta l’ennesimo ingorgo tra giustizia e mass media, il caso Consip assume i contorni di un gigantesco cortocircuito, uno schiaffo allo stato di diritto. Le intercettazioni contenute nel libro ed enfaticamente anticipate sul Fatto quotidiano non hanno rilevanza penale, l’audio in questione è in possesso della procura di Roma, ma anche di quella di Napoli e dei carabinieri del Noe che captarono la conversazione lo scorso 2 marzo (quando erano ancora titolari della delega dell’indagine, poi revocata dai colleghi capitolini a seguito, guarda caso, di un’altra fuga di notizie). “Il contenuto di questa conversazione – conclude Bagattini – non compare in alcuna informativa, lo abbiamo appreso dalla stampa. Ne ignoravamo l’esistenza, e in questo si ravvisa una macroscopica lesione del diritto di difesa. Per il resto, credo che i fatti, tra carabinieri indagati e prove manipolate, parlino da sé”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    16 Maggio 2017 - 23:11

    lUpimor imperdibile.luigi

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    16 Maggio 2017 - 21:09

    Ho visto il padre di Renzi mandare affanculo un giornalista che lo impirtunava: Le prossime elezioni voto Renzi (il padre, intendo).

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    16 Maggio 2017 - 20:08

    Giuste, pertinenti, ineccepibili le parole dell'avvocato Federico Bagattini. Ma come si fa, stante la penuria di "posti di lavoro", a invocare conseguenze sanzionatorie? Aggiungere Travaglio, direttore responsabile del FQ, alla lista dei disoccupati? E la Redazione e Marco Lillo e le sue fonti? E il giornalista collettivo Andrea Scanzi e le tante centinaia di lettori bulimici di sospetti e insinuazioni e gossip politici, dove li mettiamo? E Paragone, Formigli, Flores, Report e consanguinei? Non expedit aumentare i disoccupati. Già ...

    Report

    Rispondi

    • Giovanni

      17 Maggio 2017 - 09:09

      La rassicuro. Questi sono peggio delle sanguisughe e riescono a trovar comunque sangua da ciucciare. Poi è una nostra antica tradizione quella del chiacchericcio malevolo, insinuante. Ne parla Tacito e altri autori latini dello sputtanamento letale (spesso le vittime finivano male). E d'altra parte lo stesso Tacito non era da meno.

      Report

      Rispondi

Servizi