Berlusconi boccia il patto del Nazareno bis

Il leader di Forza Italia: “Non ci sono le condizioni per un accordo con il Pd in funzione difensiva contro Grillo”. E assicura: “Con o senza la sentenza di Strasburgo sarò in prima linea”

Berlusconi boccia il patto del Nazareno bis

Silvio Berlusconi (Foto LaPresse)

Silvio Berlusconi non ha alcuna intenzione di ritirarsi. Anzi, a prescindere dalla sentenza di Strasburgo, sarà “in prima linea. Con o senza il nome sulla scheda”. Il leader di Forza Italia lo dice in una lunga intervista a Panorama che sarà in edicola domani. Un'intervista in cui spazia dall'Italia alla Francia passando per la Rai, il futuro del centrodestra, il rapporto con Matteo Renzi e la necessità di fare i conti con la crescita continua del M5s. 

 

L'ex premier esclude che ci possa essere un nuovo patto del Nazareno. Un'intesa con il Pd per fermare Beppe Grillo. “Non vedo le condizioni perché si possa riproporre oggi - spiega -. Non esiste un accordo con il Pd in funzione difensiva contro il partito di Grillo. Noi puntiamo a vincere con le nostre idee e i nostri progetti. Se i partiti si illudessero di chiudere la strada a Grillo con accordi di potere, avrebbero sbagliato totalmente strada. Paradossalmente sarebbe il miglior regalo a Grillo, la dimostrazione che le sue fantasiose e talora farneticanti teorie hanno un minimo di fondamento”.

 

Cercasi un centrodestra che si metta in marcia

Inutile fare “i centristi”, Macron è un’altra cosa. Imparare e decidere

 

Per battere Grillo, al contrario, serve “una proposta politica di qualità affidata a persone credibili. Si batte Grillo inchiodandolo alle sue contraddizioni, ai suoi esasperati tatticismi. Come chiunque non abbia un’idea propria davvero radicata, lui può sposare con disinvoltura le posizioni più contraddittorie”.

 

In ogni caso Berlusconi si dice preoccupato del clima che si respira oggi in Italia: “La metà degli italiani non va più a votare. Chi vota Grillo esprime, sia pure in modo non razionale, una protesta contro l’establishment e quindi una volontà di cambiamento. chi non vota è rassegnato”.

 

Il vero Macron italiano

 Per avere una leadership simile ora ne servono due. Guida (ottimista) al modello Macaron, con Renzi e Berlusconi

 

Poi un pensiero sul governo Gentiloni (“stimo Paolo Gentiloni, ma noi siamo all’opposizione”) e sul ritorno alle urne: “Dobbiamo andare ad elezioni al più presto. E dobbiamo mettere gli elettori in condizione di votare per scegliere da chi essere governati, senza condannare il Paese all’ingovernabilità per effetto di una legge elettorale contraddittoria”.

 

Lui comunque, qualsiasi cosa accada, ci sarà: “Rivendico, con tutte le mie forze, che mi venga restituita un’onorabilità infangata da una sentenza assurda. Sono stato e sono una persona perbene e ho il diritto di esigere che che la mia onestà venga riconosciuta, se non dall’Italia, dall’Europa, dove siedono giudici che non prendono ordini da nessuno. Giungere alle elezioni senza che Strasburgo abbia fatto chiarezza sarebbe oggettivamente grave. Non solo per me, ma per la democrazia italiana”.

 

E conclude: “Il mio senso di responsabilità verso il Paese che amo mi impone di restare in campo per non consentire alle forze improvvisate e incapaci, pauperiste e giustiziaste, di vincere le elezioni e di conquistare il potere”.

 

Berlusconi parla anche delle elezioni francese e degli insegnamenti che da Parigi arrivano per il centrodestra italiano che ha “chance di vincere solo se è unito”. Per questo loda, citandoli, Matteo Salvini, Giorgia Meloni, Giovanni Toti e Stefano Parisi. Anche se sulle primarie avanza più di un dubbio: “Non capisco perché il centrodestra dovrebbe imitare questo metodo che appassiona sempre meno italiani. Un candidato premier si sceglie facendo sintesi delle idee, dei valori e dei programmi del centrodestra e vedendo chi è meglio in grado di rappresentarli. Non attraverso una grossolana conta. In ogni caso, fino a quando la materia non fosse eventualmente imposta e regolata per legge, il problema per Forza Italia non si pone”.

 

Il leader azzurro torna anche sul tema delle “cene eleganti” (“una storia brutta che ha fatto male a me, alla mia famiglia, a chi mi vuole bene, a tanti miei amici colpevoli solo di aver pranzato a casa del presidente del Consiglio e che ha rovinato lai vita a tante ragazze”) e rilancia l’idea del “reddito di inclusione” per affrontare l’emergenza povertà. E mentre accusa il Pd si essere stato molto ambiguo sulla legge sulla legittima difesa, boccia il testo sul fine vita: “Io credo che lo sforzo che lo Stato dovrebbe compiere sia quello di aiutare a vivere, non di aiutare a morire”.

 

“La competenza è un valore, va rispettata e pagata. Non solo in Rai”

Viale Mazzini, gli stipendi, il poveraccismo e la demagogia. Intervista con Fabio Fazio

 

L’ultimo tema è quello della Rai e, in particolare, delle dichiarazioni rilasciate da Fabio Fazio: “È un professionista della televisione, con il quale spesso non sono d’accordo, ma che conosce e sa usare lo strumento televisivo. Nessuna azienda si priverebbe di un protagonista come lui, il cui costo - in un sistema di mercato - è ampiamente coperto dal ritorno che dà in termini di audience. Voglio aggiungere che Fazio, a differenza di altri, ha le sue idee e non le nasconde, ma è un professionista corretto”.      

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    11 Maggio 2017 - 10:10

    Mi sia consentito per una volta di divertirmi con i pronostici, come si far al bar sport con le partite di calcio. Fosse giuridicamente riabilitato a Strasburgo, come egli spera probabilmente non a torto, un Berlusconi titolare in campo si giocherebbe la partita elettorale del 2018 con i grillini alla pari, relegando il Pd di Renzi al terzo posto. E' naturalmente solo un mio bizzarro pronostico, ma mi par d'aver letto condiviso dal sempre magnifico, gustoso ed acuto riempitivo del grande Buttafuoco, che vale l'acquisto del Foglio e sovente pure ci azzecca.

    Report

    Rispondi

  • Roberto Cattani

    11 Maggio 2017 - 05:05

    Urbani, Pera, Casini, Fini, D’Alema, Bush, Putin, Gheddafi, Hillary Clinton/Obama, Alfano, Albertini, Formigoni, Storace, Alemanno, Monti, Letta, Renzi, Verdini, Bertolaso, Parisi, ecc., ecc.. È tutto un problema di “condizioni” che vengono e vanno. “Serve una proposta politica di qualità affidata a persone credibili”. Le condizioni ci sono con Salvini e Meloni, al 95%: per il restante 5% trattasi di bazzecole come l’Europa e l’euro. Per fortuna ci sono tante persone credibili. Per dire …. Beh adesso non sto a farvela lunga che intanto li conoscete. Uno ve lo dico, Macron. No, dai: davvero è amico di Renzi? Allora no, altrimenti Salvini e Meloni s’incazzano. È che solo uniti si vince. Ai leghisti ho già dato le regioni che ci sono rimaste, a Meloni darò qualche seggiola che altrimenti col niente per cento si sogna. Per i Forza Italioti basto io. Così si ragiona all’alba del quarto di secolo dalla “discesa in campo”.

    Report

    Rispondi

  • Lou Canova

    11 Maggio 2017 - 00:12

    Duole dirlo ma le tesi del Cav. abbondano più che altro di contraddizioni patetiche...Una per tutte: mettere i cittadini in condizioni di scegliere da chi essere governati e schierarsi anima e corpo per il superproporzionalone ultracostituzionale. Ovviamente non mi sfugge la tattica berlusconiana, però...

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    10 Maggio 2017 - 15:03

    Caro Cerasa , e' stata sufficiente l'affermazione di Macron per far pronunciare a Berlusconi qualcosa da liberale. Deve schierarsi, il cav, a favore dell'Europa, dell'euro, della globalizzazione controllata, dell'apertura e poi, credo sia tempo, passare la mano. Sara', in seguito, la coalizione della paura verso gli anti sistema a consentire all'Italia di non cedere anche alle lusinghe a 5 stelle. Quanto ai lodati Salvini, Meloni, Toti e Parisi, a me pare che qualcuno sia di troppo . Ripeto, il cav deve scegliere e , magari, a ottant'anni concedersi il gusto di diventare uno statista.

    Report

    Rispondi

Servizi