Il populismo buono

Il rischio di avere un Renzi anti establishment è la strada più veloce per arrivare al governo Davigo

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

Il populismo buono

Matteo Renzi (foto LaPresse)

A poche ore dalla fine della campagna delle primarie Pd, c’è una domanda di fronte alla quale molti sostenitori di Matteo Renzi faticano a trovare una risposta convincente. La questione è semplice: Renzi non è più la novità della politica italiana (è oggettivo) ma la politica italiana, per evitare la formazione nella prossima primavera di un governo Davigo (ci torneremo), ha bisogno di un leader come Renzi. Per uscire da questo paradosso non banale – e apparentemente non risolvibile –...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    30 Aprile 2017 - 13:01

    Al direttore – Così va la politica: comiche continuate degli innovatori, dei CS (change system). Tutti tenacemente, fieramente, virtuosamente animati di buoni propositi tesi a migliorale la società, abbattere le disuguaglianze e lavoro per tutti. Ciascuno dei CS, degli innovatori illuminati e dei rispettivi seguaci hanno un fine imperativo: tutti parteciperanno, tutti contribuiranno a cambiario, innovarlo, secondo il modello che abbiamo deciso noi: quello che sposa i desideri e gli interessi dei nostri. Per loro populismo buono, per gli altri populismo cattivo. Morale: il potere non si può dividere in parti che tutti accettino come eque. "Est modus in rebus", dice il saggio. Vero, ma chi decide i contenuti e l'entità del "modus"? “Il Cnel è arrivato al dunque. Ha chiesto quello che aveva smentito di chiedere: il ritorno delle indennità, lo stipendio dei consiglieri cancellato nel 2015. Con l’aggiunta di quasi due anni e mezzo di arretrati: €4 milioni. Populismo buono o cattivo?

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    29 Aprile 2017 - 17:05

    Così come c'è il colesterolo buono e quello cattivo, adesso tale può essere anche il populismo. Ma i concetti di buono e cattivo in questo caso sono molto opinabili. Gli 80 euro (10 miliardi all'anno) sono frutto di populismo buono o cattivo? E il bonus per i diciottenni? E la 14esima per le pensioni? E il bonus docenti? Per me la risposta è facile.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    29 Aprile 2017 - 14:02

    Al direttore - Percorso scivoloso. Nel sentire delle masse, in cui PolCor e mantra virtuosi e l'assenza di strumenti culturali, imperano, il lemma "populismo" ha sempre accezione negativa. E' lo stesso ampio, trasversale, ambito in cui si identifica "destra=fascismo". I lettori del Foglio sono ben vaccinati. Sono pragmatici e cultori del principio di realtà. A ben guardare non appartengono a nessuna delle tre categorie citate.

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    29 Aprile 2017 - 14:02

    "Un populismo buono" ?: per una politica sanitaria e, sopratutto salubre del Giambu suppongo; il valore va da 30 a 70 nel maschio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi