Civati e Bersani hanno un programma che "è una figata": più tasse

Pier Luigi Bersani e Pippo Civati si ritrovano: "Mettiamo insieme le proposte che funzionano meglio". Una grande alleanza con più imposte e anti-liberista

Email:

allegranti@ilfoglio.it

Civati e Bersani hanno un programma che "è una figata": più tasse

Pippo Civati, Pierluigi Bersani (foto LaPresse)

Roma. Prima nello stesso partito, ma da avversari. Poi fuori dal Pd, ma in tempi diversi. Ora fuori dal partito, ma potenziali alleati. Pier Luigi Bersani e Pippo Civati si ritrovano. “Prepariamo giorni migliori”, dice la locandina del dialogo a due di ieri al centro congressi di Via Alibert, che arriva a pochi giorni dal voto francese, con Jean-Luc Mélenchon a far da guida alle sinistre-sinistre europee con il suo 19 per cento (numeri che da noi però i D’Alema...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Lou Canova

    27 Aprile 2017 - 20:08

    La cosa pietosa, tra le tante in questa vicenda è che in un recente passato i Bersani ma anche i D'Alema hanno incarnato lo spirito riformista maturato, tra mille patimenti nella sinistra italiana...Bersani e D'Alema, sembrerebbe un'era geologica fa, si sono battuti per un partito blairiano (senza esagerare) in economia, sostenitore della una democrazia maggioritaria e decidente. Incredibile come la comparsa di Renzi li abbia riportati ai primi anni '70....

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    27 Aprile 2017 - 09:09

    Ma i dinosauri non si erano estinti?

    Report

    Rispondi

  • mario.patrizio

    27 Aprile 2017 - 09:09

    Suppongo che nella tradizione dell'ideologia che anima questi vetero rivoluzionari, ci sia la consapevolezza di aver perso il tempo con la storia. Debbono saperlo, altrimenti perché nella troppo breve stagione bipolare hanno puntato su Prodi? Cattocomunismo o timore dei danni da infliggere al Paese? Consegnando tuttavia in eredità un lascito che aleggia come un'ombra scura nel clima generale: la lotta all'evasione e alla corruzione nei cui meandri si nasconde la soluzione di ogni male. Che fare, allora? La vecchia strategia, condizionare il potere, farsi inseguire sui temi dettati da loro, qualcosa ne verrà fuori. Nel frattempo è venuto fuori il sindacalismo, i poteri di veto, l'irresponsabilità di ogni condotta. A causa loro? Certo che no, ha ben funzionato il combinato disposto con la più bella del mondo ed il quadro politico generale, ma sull'economia chiedere ad Amato per una spiegazione più dettagliata sull'esplosione del debito pubblico.

    Report

    Rispondi

Servizi