Va bene salvare gli agnelli ma chi salva noi dal trucido e dallo sbirro?

Quelli che dicono accada quel che accada così almeno i grillini impareranno la lezione della realtà sbagliano. Bocciato il Pd che prova a inseguire i pentastellati sul loro campo. Prenda appunti dal Cav.: gli è bastata una foto con un agnellino per guadagnare punti. Il Pagellone della settimana politica

Va bene salvare gli agnelli ma chi salva noi dal trucido e dallo sbirro?

Dario Vergassola a "Night Tabloid" scherza sulla foto del Cav. con l'agnello (foto LaPresse)

Tratto da "Il Silenzio degli innocenti", memorabile thriller premiatissimo agli Oscar:   Jodie Foster (Clarice Starling, agente FBI):Una mattina sono semplicemente fuggita.  Anthony Hopkins (Hannibal the Cannibal Lecter): E che hai fatto?  CS: Sono andata... di sotto, fuori... Mi sono avvicinata furtivamente alla stalla. Avevo tanta paura a guardare dentro, ma dovevo!  HL: E che hai visto, Clarice? Che hai visto?  CS: Gli agnelli. Stavano urlando.  HL: Stavano macellando gli agnellini?  CS : No. Prima ho tentato di liberarli. Ho aperto...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • anna.maria.loi

    16 Aprile 2017 - 16:04

    Geniale...

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    16 Aprile 2017 - 10:10

    Quando si perde non si perde per caso. Si perde per mille ragioni accumulate da anni d inedia, da anni di sindacalismo e politica pretesca e cattocomunista che moriva ovunque meno che da noi. Pace si muore da dentro non da fuori e chi arriva, arriva perché mancano i confini dell'essere chi siamo non riconoscendo più chi eravamo. Berlusconi che allatta l'agnello lavato con perlana, la Boldrini che lagrima, sono esempi di un trapasso non di un passaggio altrove. I goti vinsero per la stupidità di Costanzo non per la forza del nuovo e vagarono tra i ruderi in attesa che il tutto crollasse per macanza di spirito. Pace è il popolo che si è smarrito e segue le sette, segue i guaritori e non più la ragione dell'essere per stare insieme. Se Di Maio spara cazzate ed il popolo plaude vi è una ragione e questa sta nella decadenza, nella fine di un ciclo storico che può essere scongiurato solo dalla nascita di un insieme che io chiamo Europa di necessità prima che di pensiero. Europa di fuga.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    16 Aprile 2017 - 10:10

    Se pensano di ottenere voti creando lavoro, hanno già perso almeno quattro regioni che vivono di assistenzialismo e ne vogliono sempre di più. Perché questo è il meccanismo perverso del sussidio, più ne dai, più ne pretendono, e il lavoro lo chiamano deportazione.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    16 Aprile 2017 - 09:09

    Che dire se non complimenti per una riflessione che ci inchioda tutti alle nostre responsabilità circa l'inerzia o la vilta' politica a fronte di una situazione invero assai pericolosa per il nostro immediato futuro democratico e civile.. Ed e' bene che almeno qualcuno del Foglio continui ad incalzare il Pd affinché inverta una rotta strategica che nei fatti asseconda i grillini. A cominciare da una seria e radicale riforma della giustizia senza la quale chi governa o amministra non va da nessuna parte, se non in Procura. In attesa di giudizio e con piena fiducia nella magistratura, s'intende. Ogni partito serio da tempo avrebbe stabilito nel proprio Statuto che non sono ammissibili ne' iscrizioni ne' candidature di magistrati in carica. In ossequio al buon senso ed ai principi costituzionali, credo.

    Report

    Rispondi

Servizi