Gli agnellini di Berlusconi fanno arrabbiare commercianti e industria della carne

L'accusa della Fida e di Assocarni dopo la svolta animalista del leader di Forza Italia: così contribuisce a crociate che danneggiano l'intera filiera

Gli agnellini di Berlusconi fanno arrabbiare commercianti e industria della carne

Un frame del video girato ad Arcore

Che bello Silvio Berlusconi che allatta l'agnellino salvato dalla tavola pasquale. Che bello e che nobile il leader di Forza Italia versione animalista. Peccato che, mentre il popolo vegan esulta e elegge il Cavaliere a proprio leader, c'è chi non ha affatto gradito la svolta. Perché, spiega la presidente Fida (Federazione Italiana Dettaglianti dell’Alimentazione) e vicepresidente Confcommercio Donatella Prampolini Manzini, anche i commercianti hanno bisogno di essere “salvati”. E non solo loro.

  

“Già il consumo di carne ovina si annuncia in leggero calo - commenta - principalmente perché la Pasqua è piuttosto avanti e le temperature più alte comportano un calo nel consumo di questo alimento. I prezzi un po’ più bassi quest’anno accentuano il calo anche in termini di ricavi. A questi fattori si aggiunge in questi giorni la crociata contro il consumo di carne: crociata che biasimiamo come anche ogni altra forma di cieca intransigenza, a tavola come in qualsiasi comportamento umano”.

 

FATE COME LUI! HA SALVATO 5 AGNELLINI DALLA STRAGE DEL PRANZO DI PASQUA! Pasqua é la festa della vita. Non celebriamola togliendola ad altri esseri viventi!

Un post condiviso da Michela Vittoria Brambilla (@michelavittoriabrambilla) in data:

 

“Il nostro Paese - prosegue Prampolini Manzini - ha una cultura enogastronomica importante della quale fa parte anche il consumo di agnello nel periodo pasquale. La gogna ingiustificata di questi giorni sta penalizzando fortemente intere categorie verso le quali non si giustificano turbative e scandali creati ad hoc da gruppi di pressione autoreferenziali e intolleranti. Rispettiamo qualsiasi scelta individuale e anzi è il nostro mestiere dare risposte a tutti i consumatori, anche di nicchia. Tra i nostri soci ci sono specializzati e despecializzati, macellai e vegani”.

 


I cristiani mangiano gli agnelli perché sono buoni. Nel senso con le patate

Note di (quasi) antropologia sui biberon del Cav. e gli sgozzatori


Insomma il giudizio è netto: “Le scelte individuali non devono trasformarsi in guerre contro chi la pensa diversamente e non legittimano la creazione di scandali ingiustificati e molto pervasivi. Non servono crociate: serve una corretta educazione alimentare”. Già ieri era stata Assocarni ad attaccare il Cavaliere: “È incredibile che per accaparrarsi l'elettorato animalista, pur essendo un imprenditore, contribuisca a danneggiare l'industria della carne. Le Reti Mediaset incassano miliardi promuovendo brand e eccellenze alimentari di origine animale e lui viene opportunisticamente folgorato da conversione animalista. L'auspicio è che gli inserzionisti da ora in poi scelgano meglio...”. Buona Pasqua.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • anna.maria.loi

    12 Aprile 2017 - 07:07

    Dalle oche (carissime...) agli agnelli!

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    11 Aprile 2017 - 22:10

    Raramente mi è capitato in vita mia, e ho superato da tempo il mezzo secolo, di sentire un bisogno tanto insopprimibile di pronunciare un sonoro ecchissenefrega.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    11 Aprile 2017 - 16:04

    Sinceramente la foto di Silvio Berlusconi animalista è solo coreografia.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    11 Aprile 2017 - 14:02

    chissà se in Siria ci sono animalisti o vegani ?

    Report

    Rispondi

Servizi