Il futuro secondo i Casaleggio boys: esami di salute mentale per chi governa

La psicologa Parsi dal palco di Ivrea: “Perché nessuno analizza il loro discorso mimico verbale come si è fatto con nazisti e fascisti? Perché nessuno dice mai come mette la bocca Trump?” 

Il futuro secondo i Casaleggio boys: esami di salute mentale per chi governa

La psicologa e scrittrice Maria Rita Parsi

Chissà se chi ha partecipato al Sum 01 organizzato da Davide Casaleggio a Ivrea ha veramente capito qualcosa di più, così come recitava il claim dell'evento, del futuro. Di certo c'è che alcuni degli interventi avevano il sapore del solito passato. Su tutti quello della psicologa e scrittrice Maria Rita Parsi che, dopo aver confessato la sua natura “complottista” e aver spiegato che in fondo in fondo Donald Trump ha bombardato la Siria perché il mondo va avanti anche grazie alla vendita di armi, si è lanciata in un'analisi piuttosto ardita sulla salute mentale di chi ci governa.

 

“Avete mai letto - si è domandata - nel discorso mimico gestuale dei nostri governanti la loro salute mentale? Nessuno ne parla mai? Nessuno dice mai come mette la bocca Trump? Che gesti fa? Che postura tiene?”

E ancora: “I miei colleghi, i miei maestri, quelli che hanno avuto il costume di decodificare il linguaggio non-verbale, oltre che quello verbale, hanno parlato tanto a lungo del comportamento e dell’atteggiamento fisico dei nazisti, dei fascisti, dei toni, dell’uso della voce, c’è la terapia psico-vocale, si capiscono un mare di cose. Come mai tutti questi strumenti non vengono mai usati per parlare della salute mentale di chi ci governa? Io direi, scusate, se vogliamo capire il futuro del mondo mettiamo le nostre famiglie e i nostri bambini in mano a gente che la salute mentale ce l’ha. O che, se non ce l’ha, si cura”.

 

Nessuno vuole lanciarsi in interpretazioni del pensiero della dottoressa Parsi, per carità. Ma una domanda appare legittima: la dottoressa voleva forse dirci che siamo governati da instabili mentali che ricordano tanto i nazisti e i fascisti? Chissà. Chissà cosa ne pensa, ad esempio, Enrico Mentana. Lui che, introducendo il suo intervento a Ivrea, ha spiegato che uno va agli incontri “se non trova che la compagnia sia disdicevole”. Gli è piaciuta la compagnia?   

 

Il video dell'intervento di Maria Rita Parsi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    11 Aprile 2017 - 20:08

    Solo gli psicologi, quelle brave persone che capiscono tutto degli altri e niente di se stessi, possono essere più perfidi di così: se fosse obbligatorio l'esame proposto, a tutti i baldi 5S, non resterebbe che darsi all'ippica.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    11 Aprile 2017 - 20:08

    Ma intanto, Dott.ssa Parsi visto che le era a due passi perchè non ha analizzato il discorso mimico gestuale di Grillo che, mi creda, del fascistone ha tanto ma proprio tanto.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    11 Aprile 2017 - 19:07

    Tranquilli, è tutta farina del suo sacco. È assolutamente impossibile che una grillina abbia qualche conoscenza dell'utilizzo 'politico' della psichiatria in Unione Sovietica, per rimanere solo alla casistica sistematica più eclatante e recente. Quindi le chiederei tranquillamente un parere professionale sul 'discorso mimico gestuale' del garante Grillo, del Dibba e di Di Maio.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    11 Aprile 2017 - 19:07

    la psicologa Parsi ha perfettamente ragione ma a mezzo, non solo i governanti ma anche gli aspiranti governanti anderebbero analizzati perchè sarebbe assurdo cambiarli con chi è peggio di loro.Dirò di più , siccome la dotta psicologa pare una assidua telespettatrice della serie tv "To lie ", si potrebbe invitare in Italia montante la campagna elettorale il dottor Cal Lightman.

    Report

    Rispondi

Servizi