A Roma il M5s riscopre la “democrazia diretta”. Fino a quando durerà?

La maggioranza grillina in Campidoglio propone la modifica dello statuto comunale per introdurre: petizioni online e referendum comunali con voto elettronico. Esposito (Pd): “Cos'è un pesce d'aprile in ritardo?”  

A Roma il M5s riscopre la “democrazia diretta”. Fino a quando durerà?

Virginia Raggi (foto LaPresse)

Lo scorso febbraio una cinquantina di attivisti del M5s protestarono in Campidoglio contro la costruzione dello stadio della Roma. Alcuni volevano che non si facesse, altri che il progetto venisse ripensato, altri ancora che si cambiasse zona. Alla fine la giunta guidata da Virginia Raggi ha deciso in autonomia di rivedere il tutto in accordo con la società giallorossa (anche se la vicenda non è ancora definitivamente conclusa). Nessuna consultazione online, nessun voto dei cittadini sul blog di Beppe Grillo. Ha deciso il sindaco. Eppure sarebbe stato bello che il partito della democrazia diretta chiedesse agli abitanti della Capitale di dire la loro.  

 

Viaggio a Tor di Valle, dove dovrebbe nascere il nuovo stadio della Roma che divide il M5s

Un'area che la soprintendenza ritiene "di interesse culturale". Ma che ad oggi è abbandonata, tra amianto e rifiuti

Stessa cosa era accaduta mesi prima con la decisione di non candidare Roma alle Olimpiadi del 2024. Cosa ne pensavano i romani? Ah, saperlo. Per fortuna adesso i grillini hanno deciso di “cambiare verso”. Il consigliere M5s Angelo Struni, insieme dall’assessore alla Roma Semplice Flavia Marzano e al deputato Riccardo Fraccaro, ha infatti presentato una proposta di modifica dello statuto comunale che vuole introdurre petizioni online, bilancio partecipativo, voto elettronico per i referendum comunali per i quali verrà abolito il quorum.

 

“Noi - ha spiegato Sturni - usiamo una piattaforma rivoluzionaria, Rousseau, e vogliamo avviare questo modello anche dentro il sito di Roma Capitale, dando la possibilità ai cittadini di esprimersi. Partiamo dal presupposto che la democrazia diretta a Roma è ferma da 23 anni, stiamo parlando di democrazia diretta che né il centrodestra né il centrosinistra hanno voluto mettere al centro”. L'auspicio dei grillini è quello, “in cinque anni, di passare da Mafia Capitale alla capitale della democrazia diretta”.

 

Difficile, davanti alla rivoluzione annunciata, non pensare a cosa sta accadendo a Genova dove la candidata al comune eletta democraticamente dai militanti è stata cancellata come se niente fosse dal diktat di Beppe Grillo (che è stato poi denunciato e indagato). Il senatore del Pd, Stefano Esposito, attacca: “Cos'è un pesce d'aprile in ritardo? Democrazia diretta come a Genova, dove i voti dei militanti sono stati cancellati da Grillo perché non piaceva la candidata? Trasparenza come per i casi Marra, Romeo, Muraro? I 5 stelle pensassero ad amministrare la città, a far funzionare Atac, a raccogliere i rifiuti e chiudere le buche. È un anno che sono al governo della città producendo solo scandali e disastri conditi da guerre di potere e scontri d'interesse”. 

 

Grillo e Di Battista sono indagati per diffamazione

Alla base la querela presentata da Marika Cassimatis, la candidata sindaco cui il garante del Movimento ha deciso di non concedere il simbolo

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • morandimaurizio1

    04 Aprile 2017 - 18:06

    a me sembra una decisione assurda. Vorrebbe dire deresponsabilizzare il sindaco e la giunta su qualsiasi decisione. Che senso ha votare per avere un sindaco ed una giunta, quando poi per ogni decisione importante il loro parere non conta nulla. Tanto vale non avere un sindaco , ma solo un gruppo di tecnici che mettono in pratica quello che decide la popolazione, che spesso non ha gli strumenti e la conoscienza per poter decidere per il meglio.

    Report

    Rispondi

Servizi