Le Indovinarie M5s

“Al minimo dubbio nessun dubbio”. Il dogma di Grillo per eliminare i candidati scelti e metterci suoi

Le Indovinarie M5s

Beppe Grillo (foto LaPresse)

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già nostro cliente, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a sinistra. Se non sei abbonato, che aspetti? Abbonati subito.

Scopri tutte le offerte per entrare nel Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ar1ar50

    20 Marzo 2017 - 16:04

    Giustamente non le possono chiamare Primarie perché poi Grillo e la C&A scelgono il secondo classificato. E chiamarle "Secondarie" non suona bene.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    19 Marzo 2017 - 01:01

    Se sono così ignoranti da votare M5 SS è giusto che M5 SS li prenda a pesci in faccia.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    18 Marzo 2017 - 17:05

    Caro Claudio . Indovinarie?, meglio: Infatuarie. Già, infatuazione e infatuati. La prima è uno stato onirico, un mix di suggestione, emozione e vox ventris: il più polente induttore del sonno della ragione. Per i secondi qualche sinonimo aiuta. Infatuato: appassionato, esaltato, entusiasta, fanatico, infervorato, infiammato, impazzito, ammaliato, stregato, invasato, maniaco. Altro tratto distintivo: l’infatuato assorbe, giustifica, perdona e dimentica tutto quello che fa parte della sua infatuazione. Ma il finale è tragico: l’infatuato finisce per infatuarsi di se stesso. E’ l’inizio della fine. Vedi il grillo solo al comando.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    18 Marzo 2017 - 13:01

    Ed ecco a voi ... Benito Grillo. E se continua così ben presto lo chiameremo Adolf...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi