Minzolini, il Pd e la democrazia

Ora il problema del partito di Renzi è quello di uscire intatto e non strafatto dalla vicenda. La legge Severino per il Pd c’è o non c’è? Perché la storia ha un peso, non si cancella con un tratto di penna o un voto in aula

Minzolini, il Pd e la democrazia

Augusto Minzolini (foto LaPresse)

Il Pd ieri ha salvato il soldato Augusto Minzolini. A destra dicono che è cosa buona e giusta, a sinistra dicono che… cosa dicono? Perché il problema non è tra i banchi di Forza Italia, è che quei 19 voti del Partito democratico in Senato sono stati il salvagente del “Minzo” e ora il problema del partito di Renzi è quello di uscire intatto e non strafatto dalla vicenda. La legge Severino per il Pd c’è o non c’è? Perché la storia ha un peso, non si cancella con un tratto di penna o un voto in aula. Contraddizioni. Come si fa a spiegare ai militanti la mossa da sottosopra del canone del progressista politicamente allineato?

 

Ecco perché Minzolini merita di restare senatore

In Aula l'ex direttore del Tg1 ha sollevato una questione che ha una forza innegabile

 

La rottura con la magistratura è totale, il girotondo giustizialista è archiviato, fine di un racconto e di un mondo. L’assalto dei 5Stelle è in tuta militare ed era logico (le parole di Luigi Di Maio sono da scolaretto che non ha ancora capito come sia facile finire dietro la lavagna, dalla parte del torto, per eccesso di strafalcioni verbali), resta il punto: il soggetto della storia che resta con il cerino in mano è il Pd di Renzi. Situazione da labirintite acuta: il Pd ha un aspirante segretario che deve affrontare le primarie, un partito dilaniato, un turno elettorale dove la strategia a questo punto sembra quella di perdere meno voti possibile. Metteteci dentro l’abolizione dei voucher, la resa incondizionata con la bandiera bianca mostrata alla Cgil di Susanna Camusso e lo spettacolo ha un titolo pronto: Indietro tutta. E’ questa la svolta riformista invaligiata nel trolley del Lingotto? Tanti auguri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • patriciovivarelli

    17 Marzo 2017 - 16:04

    Una cosa e'certa caro sig.Sechi. La snistra,un po' direi tutta la siñistra,Renzi compreso,e'completsmente nel pallone,fuori da ogni mondo. La vicenda dei vaucher e'sintomatica.C'e'da sperare solo una cosa e lo dice uno che ha sempre guardato a siñistra,che la destra riesca ad uñirsi perche'solo cosi potea'battere i populisti dei 5 stelle,che qualora vincessero.........oddio no!

    Report

    Rispondi

  • p.ascari

    17 Marzo 2017 - 12:12

    questa cosa qui, unita alla storia del Voucher, è i definitivo suicidio del PD, e la definitiva vittoria di Grillo.

    Report

    Rispondi

Servizi