Il senso della democrazia di Grillo: la candidata votata dai cittadini non gli piace, lui le toglie il simbolo

A Genova la vincitrice delle Comunarie è in ottimi rapporti con alcuni transfughi del M5s. Interviene il comico: "Qualcuno non capirà, fidatevi di me"

Grillo toglie simbolo a Cassimatis

Beppe Grillo (foto LaPresse)

Scoppia un altro caso nel Movimento cinque stelle. Stavolta nella Genova di Beppe Grillo. Il leader del M5s ha deciso in maniera unilaterale in quanto “garante” di togliere il simbolo alla candidata sindaco Marika Cassimatis, che aveva vinto le Comunarie con 362 voti, superando al ballottaggio online le 338 preferenze di Luca Pirondini. Una vittoria che aveva spiazzato gli stessi esponenti grillini locali: la Cassimatis, infatti, è in buoni rapporti con alcuni transfughi. Ma Grillo evidentemente non ha gradito e ha deciso di intervenire. “Molti componenti della lista - scrive nel suo blog che in realtà suo non è - hanno ripetutamente e continuativamente danneggiato l’immagine del M5s, dileggiando, attaccando e denigrando i portavoce e altri iscritti, condividendo pubblicamente i contenuti e la linea dei fuoriusciti; appoggiandone le scelte anche dopo che si sono tenuti la poltrona senza dimettersi e hanno formato nuovi soggetti politici vicini ai partiti”.

 

Le piazze fake a 5 stelle dei talk-show

A Marigliano durante i collegamenti di Quinta colonna, molti erano i volti noti del M5s. Ecco da chi era composta la cosiddetta "Italia reale"

 

Dunque che si fa? Nuove votazioni online dalle 10 alle 19. “Non possiamo permetterci di candidare persone su cui non siamo sicuri al 100 per cento”, per cui la “decisione è irrevocabile” e “se qualcuno non capirà questa scelta vi chiedo di fidarvi di me”, aggiunge Grillo, assicurando che “le nostre selezioni rispetteranno il voto online”. In fondo, come ricorda lo stesso leader all'inizio del suo post, “il Garante del M5s si riserva il diritto di escludere dalla candidatura, in ogni momento e fino alla presentazione della lista presso gli uffici del comune di Genova, soggetti che non siano ritenuti in grado di rappresentare i valori del Movimento”.

 

E Cassimatis? Alle 10.30, mezz'ora dopo l'annuncio di Grillo, la candidata, già lanciata nella campagna elettorale, pubblicava sul suo profilo Facebook un post sul piano di emergenza per gli oleodotti.

 

 

Alle 11.14 un altro post, breve ma decisamente meno elettorale: “Apprendo ora che la mia lista, ancora fantasma in quanto non pubblicata, uscita vincitrice da una votazione democratica, è stata sconfessa da Beppe Grillo. Ne prendo atto”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • simona.degaetano

    17 Marzo 2017 - 16:04

    Buonasera, cosa ne pensa il sig. Di Maio di questo attacco eversivo alla democrazia? Paventera', anche in questo caso, rivolte violente?

    Report

    Rispondi

  • morandimaurizio1

    17 Marzo 2017 - 14:02

    fidatevi di me!! e gli adepti si inginocchiarono davanti al guru.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    17 Marzo 2017 - 12:12

    Del resto, se uno è così fesso da votare e / o lavorare gratis per la Casaleggio & Complici, magari dopo aver firmato un contratto capestro, è giusto che venga preso a pesci in faccia dai suoi padroni.

    Report

    Rispondi

Servizi