Penati ritorna nel Pd e si schiera: appoggerà Emiliano

L’ex presidente della provincia di Milano, dopo la gogna mediatico-giudiziaria subita per il cosiddetto "sistema Sesto", diventerà il referente della mozione Emiliano in Lombardia

Penati ritorna nel Pd e si schiera: appoggerà Emiliano

Filippo Penati (foto LaPresse)

La strana coppia. Non c’è altro modo per definire il sodalizio nato fra Michele Emiliano e l’ex presidente della provincia di Milano Filippo Penati. Dopo la gogna mediatica e giudiziaria da cui è uscito nel marzo dell’anno scorso, l’ex imputato del “sistema Sesto” ha sciolto la riserva e ha comunicato sia al segretario regionale del Pd, Alessandro Alfieri, sia a quello metropolitano, Pietro Bussolati, che rientrerà nel partito. Con un colpo di scena: Penati diventerà il referente della mozione Emiliano in Lombardia per aiutarlo a sfidare Matteo Renzi nella battaglia per la leadership del partito.

Crolla l’accusa a Penati. Cosa dicono quelli che lo scaricarono?

Roberto De Santis e Renato Sarno, l’imprenditore e l’architetto che erano stati indicati come i finanziatori illeciti di Filippo Penati nell’inchiesta sul “sistema Sesto” sono stati assolti con formula piena “perché il fatto non sussiste”. Ma se delle procure disinvolte non ci stupiamo più, torna in mente come Bersani scaricò il compagno di partito per paura del fango.

La decisione degli scissionisti di creare una formazione di sinistra un po’ anacronistica non lo ha convinto sin dall’inizio, nonostante lo storico legame con Pierluigi Bersani, perché considera l’Mdp una sorta di Ulivo, ossia un’ammucchiata di pezzi della sinistra privi di ogni ambizione riformista.

 

E qui sta il paradosso: Filippo Penati, che ha sempre dichiarato di essere riformista, accetta la proposta di Michele Emiliano, ex sceriffo di Bari, magistrato in aspettativa che pochi giorni fa ha espresso giudizi giustizialisti sul Corriere della Sera. Pare che Filippo Penati abbia giustificato così la sua decisione a chi gli ha chiesto il motivo di questa scelta: “Michele Emiliano vuole rigenerare il partito ed è soprattutto un uomo del territorio. Ed è dal territorio che bisogna ripartire”.

L’indecoroso silenzio su Emiliano

Si spende come un pazzo per ottenere una cosa che gli dovrebbe essere preclusa, restare pm e fare il capo del partito. Magari è legale, ma è legittimo? No, è irragionevole

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    11 Marzo 2017 - 19:07

    Mah, da ex-sestese ho l'impressione che Penati sia stato oggetto del circo mediatico giudiziario senza particolare accanimento, e poi miracolato dalla magistratura. Miracoli che con gli indagati di sinistra si verificano con un altro certa regolarità.

    Report

    Rispondi

  • gsamico

    11 Marzo 2017 - 15:03

    Come dire che la sua stessa storia non gli ha insegnato nulla o forse è affeto dalla sindrome di Stoccolma ?

    Report

    Rispondi

Servizi