Poveracciopoli

Pensioni d’oro e stipendi Rai. Pd e FI gareggiano con Grillo a chi liscia meglio il senso comune. Aiuto!

Salvatore Merlo

Email:

merlo@ilfoglio.it

beppe grillo

Beppe Grillo (foto LaPresse)

Roma. Adesso litigano tra loro per stabilire di chi sia l’ideona originaria, a chi insomma appartenga il distillato della purezza più pura, in questa dolente e a tratti violenta processione di pentiti della diaria, di redenti della pensione, di vendicatori del privilegio (proprio e altrui). E allora a Montecitorio Luigi Di Maio sventola un foglio di carta A4 davanti ai fotografi: “Basta vitalizio. Noi domani andiamo da Boldrini e Grasso”, dice il candidato premier del M5s, con tono grave. “Chiederemo di convocare un ufficio di presidenza per abolire questo privilegio insopportabile”, insiste, con l’aria di raddrizzatore dei torti. “E’ sufficiente una delibera!”.

 

Passano nemmeno dieci minuti e arriva la replica del Pd. “Sono chiacchiere, tutte chiacchiere”, si fa sentire Alessia Morani, che nella segreteria di Matteo Renzi aveva un suo ruolo di responsabilità e visibilità. “Siamo noi che vogliamo rivedere le pensioni dei parlamentari”, dice con tono di aperta rivendicazione. “E non solo dei parlamentari”, specifica. “Ma anche dei consiglieri regionali”, perdinci! “Noi vogliamo di più”, poffarbacco! E poiché il crescendo è surreale e stucchevole, soprattutto esibito, s’intuisce che doveva avere proprio ragione George Bernard Shaw quando sosteneva che la politica consiste, all’incirca, nell’organizzare l’idolatria. E davvero sembra che i politici italiani abbiano deciso di beatificare e innalzare una specie di nuovo culto della povertà, a metà tra l’etica e la predica, una cosa abbastanza indigesta e fasulla, una mappazza che se non avesse anche tratti di recitazione da telenovela venezuelana – i vitalizi non esistono più dal 2012, come sa bene Elsa Fornero che chiese al Parlamento di cancellarli – andrebbe invece presa terribilmente sul serio. Incarna infatti ogni suppurazione dei tempi. “Bisogna tagliare anche gli stipendi dei conduttori Rai”, dunque di Carlo Conti e di Massimo Giletti, di Fabio Fazio e di Fabrizio Frizzi, urla da settimane Renato Brunetta, in buona compagnia, con Michele Anzaldi (Pd), e ovviamente Roberto Fico (M5s). Tutti devono soffrire. E versare un obolo alla causa dell’impoverimento collettivo.

  

E si capisce che su questa trovata si gioca anche una parte della campagna elettorale che scandirà, tra urla di tifosi twittaroli e sbadigli di spettatori annoiati, la triste parabola finale di questa legislatura, con il Pd, e pure Forza Italia, che s’infilano spensieratamente nell’imbuto del populismo senza briglia – Renzi che adotta una specie di reddito di cittadinanza, come quello di Grillo (ma pure di Brunetta) – una gara canora a chi la spara più grossa, una strada forse senza ritorno (che Renzi ha già costeggiato, e perdendo, ai tempi del referendum che tagliava “i costi della politica”), un percorso costellato d’una retorica formidabile, che non contempla il dubbio e non conosce sfumature, perché al netto di pochi kamikaze, è difficile, anzi impossibile dire che le pensioni dei parlamentari sono una cosa sacrosanta, e sono già state riformate. “Ma noi vogliamo colpire il pregresso”, rispondono. E dunque persino il lecito si tramuta in abuso. Come pure, travolti dal poveraccismo, è impossibile spiegare senza incorrere nel bau bau e nello spernacchiamento – operazione, si è visto, impraticabile anche per il direttore generale, Antonio Campo Dall’Orto – che la Rai è, sì, un’azienda pubblica, ma anche un’azienda che sta sul mercato, che vive di pubblicità e di concorrenza, un’emittente che mantiene i suoi quasi tredicimila dipendenti con gli introiti che derivano dallo share: e senza volti televisivi di richiamo – quelli che si pagano – lo share si abbassa.

 

Ma in questo Parlamento che flagella se stesso, e recita l’abbandono delle cose del mondo (ma con un certo miglior mirare proprio alle cose del mondo: seguire il vento, e farsi trasportare lì dove porta il consenso belluino), la subcultura della “Casta” – intesa come totemico libro di Stella e Rizzo – ha sfondato definitivamente, persino più che nella pigrizia dei giornali, con tutti quei riflessi condizionati che non sono più buon senso ma pericoloso senso comune, per cui se uno ha uno staff questo diventa subito “mega”, come l’auto diventa “blu”, il rimborso “iper”, la previdenza “ultra”, la pensione “d’oro”, l’appartamento “deluxe”… Così il nuovo modello politico va scalcinato e vociante, con una vanità anche estetica da redentore dei torti. “Vogliamo uniformare le pensioni dei parlamentari a quelle di tutti quanti. Pd ci stai?”, diceva ieri Alessandro Di Battista, ben sapendo che il Pd lo seguirà a ruota, lui che si immagina come un viandante frugale, una specie di Dennis Hopper sulla moto di “Easy Rider”. E allora vale forse la pena di ricordare la saggezza castale, appunto, del Cardinal Siri, quando protestava con Pio XII che aveva abolito lo sfarzoso strascico delle vesti cardinalizie, “come principe della chiesa debbo tenere alta la mia dignità che è la dignità della chiesa stessa”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    28 Febbraio 2017 - 17:05

    Strillano sulla casta ed hanno votato no al referendum. Vogliono abolire i parlamentari e sempre no al referendum perché li vogliono abolire come vogliono loro. Dicono no alla modifica di alcuni articoli della costituzione perché avevano un libretto pronto in tal senso, copi D'Alema, e ad oggi, 90 giorni dopo il 4 dicembre, siamo agli stracci. Di nuove regole costituzionali nemmeno l'ombra. Sulle pensioni e non solo non bastano le modifiche al futuro e, visto che non ne ricavano che spiccioli, vogliono a ritroso arrivare ad Adamo ed Eva. Quando non si conosce la ricetta non resta che il veleno. Sulla tv non sono i compensi ad essere scandalosi ma, dato che parlano di pubblicità che rimanga il compenso e che tolgano il canone, perché assurdo è che la baracca si mantiene con noi e non senza di noi. Se canone ha da essere i super dotati se ne stiano fuori. Se mercato ha da essere che lo sia fino in fondo senza la ciambella del popolo che non sta tanto bene. Sul canone copi il PD itinere.

    Report

    Rispondi

  • mauro

    28 Febbraio 2017 - 11:11

    Beh, è comprensibile, data la confusione generale. E poi ognuno deve darsi ancor più da fare se vuole acchiappare la sua porzione di proporzionale.

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    28 Febbraio 2017 - 10:10

    Il salutare richiamo di Merlo alla falsità dei politici è un arma a doppio taglio che può metter in secondo piano la necessità assoluta di un deciso e progressivo taglio della spesa che l'ubriacatura keynesiana ci ha fatto dimenticare. Anche la costituzionalità dei diritti pregressi non può più reggere al crollo di uno stato di diritto abusato e distrutto. Lasciamo che almeno promettano qualcosa di buono perché l'alternativa è la promessa di nuove prebende per tutti (come il reddito di cittadinanza incondizionato) ed il caos che seguirà la prossima tornata elettorale è garantito.

    Report

    Rispondi

  • p.ascari

    28 Febbraio 2017 - 09:09

    Tutto giusto. E quindi, siete ancora dell'idea che "Berlusconi ha vinto"? O invece , come il sottoscritto, pensa che tutto questo (e molto altro ancora) sia una dimostrazione palese che Berlusconi, , e ciò che ne residua (che è un orrore totale) , sia stato un totale fallimento? Coraggio, un pò di coraggio e ci arrivate.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi