La destra di Parisi

“Partito unico come vuole Toti? Pensiamo alle idee, non a nuove sigle. Serve uno spirito liberale”

La destra di Parisi

Stefano Parisi (foto LaPresse)

Roma. Il partito unico di centrodestra proposto da Giovanni Toti? “Non è quella la strada”, dice al Foglio Stefano Parisi, che il primo aprile riunirà a Roma il suo movimento “Energie per l’Italia”. Non sarebbe il momento giusto per approfittare delle debolezze del Pd? Magari con un partito nuovo. “Il grande successo dei Cinque stelle dimostra la sconfitta dei partiti. Chi vota Grillo è perché vuole fargliela pagare alla politica pur sapendo che quel voto costituirà un peggioramento delle proprie condizioni di vita, penso a Roma. Basta vedere che cos’è successo il 4 dicembre, con la sberla al sistema dei partiti; chi ha votato No lo ha fatto contro Renzi, chi ha votato Sì voleva cambiare le istituzioni. Il 70 per cento degli italiani è andato a votare perché non è contento dell’attuale offerta politica”. Il problema quindi “non è la grande occasione per il centrodestra, ma dare una ultima opportunità agli italiani di tirare fuori il paese dalle drammatiche condizioni politiche e sociali in cui versa. Il problema non è come avere tecnicamente gli slogan giusti, ma dire la verità agli italiani, se vogliamo essere affidabili e ricevere un mandato per governare per i prossimi 5 anni”.

“Adesso facciamo un partito nuovo: i Repubblicani”. Parla Toti

“Superiamo i vecchi partiti, per battere Beppe Grillo. Berlusconi sia il federatore”. E con il Pd? “Mai più alleanze”, dice il governatore della Liguria

 

“Se il centrodestra dovesse vincere e dovesse continuare a fare le politiche degli ultimi 20 non tirerebbe fuori l’Italia dalla crisi. Non si mettono insieme i partiti per vincere le elezioni, arrivare a Palazzo Chigi e non esser d’accordo su niente. Il sistema maggioritario ha fallito in Italia per questo motivo. Ci si preoccupa di come far stare insieme Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia ma non di come riacquistare la fiducia degli italiani. Come al solito quando parlano i politici, non leggiamo una proposta su cosa debba essere fatto”.

 

Per Parisi insomma serve più concretezza. “Il governo Gentiloni sarà costretto a fare una manovra correttiva di 30-40 miliardi per il 2018, per riparare ai danni di Renzi, sprofondiamo nel debito pubblico, la crescita non c’è, l’immigrazione sta frantumando socialmente questo paese, i ragazzi sono disoccupati. E a Milano si discute delle palme a piazza Duomo. In questo quadro, discutere di partiti non ha alcun senso; bisogna partire da una visione di come deve essere il paese, che va ricostruito radicalmente. La scuola e l’università devono essere ripensate, la burocrazia deve essere smantellata, le tasse devono essere abbassate per davvero. Bisogna aggredire la spesa pubblica, da subito”.

Il Pd è svenuto, ma la destra potrebbe fallire il gol a porta vuota

Più che un portiere, servirebbe un bomber. Ma quello ancora non si vede, tolto Berlusconi stesso

 

I partiti invece “sono impegnati a scindersi o pensano a come fondersi. Se a sinistra si dividono, noi ci ricomponiamo: è una politica che reagisce a se stessa, senza però cercare una soluzione per il declino perenne di questo paese”. Prendiamo la questione dell’immigrazione, dice Parisi. “Io sono contro l’ipocrisia della sinistra che considera prioritario il tema dell’accoglienza, ma sono anche contro chi dice che ‘serve una pulizia di massa’ degli immigrati. Un centrodestra serio deve esser rigoroso senza essere razzista. Togliamo i soldi che diamo alle cooperative degli amici del Pd e investiamoli nei paesi da dove provengono gli immigrati. Noi dobbiamo parlare di questo, di idee e ideali. Dobbiamo dire che servono meno tasse; che gli investimenti li fanno le imprese private e non si fanno con la spesa pubblica. Dobbiamo smettere di tassare i ricchi e di abbandonare al loro destino i più poveri. Gli Italiani hanno bisogno di sicurezza, la politica deve rispondere a questa domanda con concretezza. Dobbiamo smettere di avere un paese mosso dall’invidia, ma rianimare la voglia di benessere. Noi liberali, popolari e riformisti invece dobbiamo tornare allo spirito del ’94, non abbandonarlo”. La crescita, dice Parisi, “la fanno gli investimenti privati, non la spesa pubblica. Il modello di Renzi, cioè dare soldi alle famiglie, aumentare la spesa pubblica corrente e azzerare gli investimenti – non ha funzionato”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • pietro.parodi2

    25 Febbraio 2017 - 11:11

    Purtroppo neanche questa volta è tempo di votare "per" perché le minacce lepeniste di Salvini e distruttive di Grillo sono troppo forti. Se mai si dovessero unire sul loro programma comune di uscita dalla UE e dall'Euro, nuova Lira super svalutata e protezionismo a gogo sarebbe il DISASTRO. Per cui un CD che volglia fare il bene del Paese, DEVE: 1. al proprio interno emarginare Salvini, come sembra stia cercando di fare Berlusconi recuperando le tradizionali posizioni della Lega "di governo" 2. all'esterno essere pronto ad un'alleanza con altre forze "di sistema" (cioè il PD di Renzi) per salvaguardare la posizione dell'Italia nella UE e nell'Euro emettere in atto le riforme sempre più note e sempre più necessarie. Una volta sconfitti i lego peppisti e le sinistre paleolitiche, si vedrà. Ma l'imprtante è scofiggerle ed elimiare i pericoli gravissimi che loro produrrebbero. Poi si vedrà.

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    24 Febbraio 2017 - 15:03

    Brav'uomo Parisi di idee chiare e coraggiose, come dimostrato nella campagna elettorale di Milano. Pertanto non raccoglierà consensi ma comunque, se si presenta, io lo voterò.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    24 Febbraio 2017 - 11:11

    Parisi rappresenta, per me, il centro destra come vorrei che fosse. Purtroppo centro destra, nel nostro paese è soltanto un una definizione. Appartengono a questa categoria forze distanti, spesso contrapposte. Anche raggiungessero la maggioranza, come potrebbero poi governare? Come conciliare un controllo dell'accoglienza indiscriminata con la "pulizia di massa"? Lo afferma Parisi stesso, ma non credo sia una domanda alla quale non è in grado di darsi una risposta.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    24 Febbraio 2017 - 10:10

    Lei Parisi dice cose vere, sane e giuste ma se le fa da solo parlando in un cinema e quattro giornalisti non se ne esce. Oggi, purtroppo o per fortuna, non se ne abbia a male, deve essere Berlusconi, riprendendo le idee del 94 a fondare un nuovo partito sulla linea Toti del PR, e chi segue segue, e senza ammucchiate impossibili. Il suo movimento o partitello invece, sembra la mossa di Passera e non potrà che arenarsi per mancanza di quorum. Non sia anche Lei rancoroso e si metta al servizio della causa comune. Un partito vero, con un nome vero, non più del momento e senza alleanze incestuose è quello che dovete fare e Berlusconi è l'unico in questo contesto politico che può farlo. Un Berlusconi fondativo e senza velleità di protagonismo. Un Berlusconi ultimo atto. Se sarà, bene, altrimenti sarà il tempo a decidere. L'importante è dare il riferimento ed il contenuto di idee e di programmi, altro dividersi e cantare da soli e tornare punto e a capo. Ci rifletta.

    Report

    Rispondi

Servizi